Tu sei qui

MotoGP, Puig: "Solo dopo l'operazione sapremo quando Marquez potrà tornare"

Il team manager di Honda: "Marc ha voluto comunque correre al Mugello, ma lo ha fatto in sicurezza. La sua assenza potrà influenzare lo sviluppo della RC213V"

MotoGP: Puig: "Solo dopo l'operazione sapremo quando Marquez potrà tornare"

Share


Sabato Marc Marquez e Alberto Puig hanno tenuto una conferenza stampa al Mugello per annunciare che il pilota spagnolo dovrà sottoporsi a un’altra operazione, la quarta dopo l’infortunio al braccio destro. Marc ha voluto comunque correre domenica (finendo la gara al 10° posto) per poi volare negli Stati Uniti, in Minnesota, dove avverrà l’intervento.

Abbiamo analizzato la possibilità di un altro intervento chirurgico per un po' di tempo e finalmente questo fine settimana abbiamo avuto il via libera dai medici - spiega il team manager Puig - Venerdì abbiamo scoperto che era possibile farlo e abbiamo deciso di seguire questa linea d'azione, ovvero che Marc Márquez smettesse di correre e si recasse negli Stati Uniti per sottoporsi a un intervento chirurgico per cercare di risolvere definitivamente il problema".

Qual è l’approccio al futuro di un'azienda Honda ora?
"Ovviamente è molto complicato e le ultime tre stagioni sono state molto difficili ma, come dico spesso, la vita non è ciò che si vuole, è ciò che è. Questa è la situazione che stiamo vivendo in questo momento e dobbiamo andare avanti, dobbiamo capire, in questo periodo senza Marc, come possiamo continuare a migliorare la RC213V. Lo sostituiremo con il nostro collaudatore Stefan Bradl perché è l'unica possibilità che abbiamo. Una MotoGP è una moto complicata e non si può mettere qui un pilota qualsiasi, serve qualcuno con esperienza".

Come ha influito questa situazione sui piani del Test Team?
"Ovviamente lo sviluppo e l'evoluzione della nostra nuova moto potranno essere influenzati da questa situazione. Il nostro obiettivo, e il nostro dovere, è cercare di ottenere i migliori risultati possibili con le informazioni che possiamo ottenere. Abbiamo il nostro collaudatore e altri tre piloti che possono darci molti input. Ma ovviamente, quando un pilota come Marc è fuori e non ha guidato la moto per così tanto tempo, questo influisce chiaramente sull'approccio degli ingegneri. Non è una scusa e cercheremo di fare del nostro meglio".

Quando sapremo quanto sarà lungo il recupero di Márquez?
"La priorità ora è l'intervento di Marc, che sta procedendo nel modo corretto. Da parte del nostro team continueremo a lavorare, faremo anche un test a Barcellona dopo la prossima gara. Quando il medico avrà terminato l'intervento, allora sapremo più o meno quali saranno le tempistiche e quando potremo iniziare ad aspettarci il ritorno di Marc".

Marc ha ricevuto il parere definitivo del medico dopo le FP1, ma ha comunque deciso di correre al Mugello domenica. Cos'altro c'è da dire sulla sua mentalità?
"È davvero impressionante quello che Marc ha fatto durante il weekend. L'opzione più facile era quella di non correre. Sapendo di dover subire un'operazione giovedì, si può avere il timore che tutto ciò che può accadere domenica sia un disastro, che si corrano dei rischi, che ci si faccia male e che poi tutto venga rimandato. Marc è molto concentrato, molto serio nel suo lavoro, ama le corse e voleva fare questo GP. Lo ha fatto e ha concluso la gara in sicurezza. Come ho detto sabato, vogliamo ringraziarlo per i suoi sforzi e ora lo aspettiamo. Pensiamo anche che sia grato per la comprensione di Honda in questo periodo difficile".

Un fine settimana non facile per gli altri piloti Honda.
"Sì, è un peccato perché Pol Espargaró era molto forte durante il weekend. Aveva una buona posizione sullo schieramento, ma la sua partenza non è stata buona. Poi è caduto e questo è il punto negativo del weekend".

Articoli che potrebbero interessarti