Tu sei qui

MotoGP, Note tecniche sui pneumatici Michelin al Mugello

L'anteriore medio è molto versatile e finora ha funzionato per tutti in tutte le condizioni di asciutto. L'anteriore Hard offre una maggiore stabilità, ma sempre con un buon livello di aderenza

MotoGP: Note tecniche sui pneumatici Michelin al Mugello

Share


Durante le FP3 la maggior parte dei piloti ha utilizzato le medie all'anteriore e al posteriore, mentre gli altri hanno utilizzato le medie all'anteriore e le morbide al posteriore, oppure le dure all'anteriore per i piloti/moto più esigenti. Il feedback dei piloti è stato in linea con quello di ieri. L'anteriore medio è molto versatile e finora ha funzionato per tutti in tutte le condizioni di asciutto. L'anteriore Hard offre una maggiore stabilità, ma sempre con un buon livello di aderenza. Il posteriore Soft si è rivelato ottimo per il time attack grazie al suo grip extra, ma potrebbe essere utilizzato anche per la gara, a seconda delle condizioni. Infine, il posteriore Medium ha dato una buona stabilità e consistenza. Domani, a seconda delle temperature/meteo, i piloti faranno la loro scelta per la gara.
 
Non c'è molto da dire sui pneumatici delle sessioni pomeridiane a causa delle mutevoli condizioni meteorologiche, con gocce di pioggia cadute durante tutte le sessioni (FP4, Q1 e Q2).
 
MotoE: Gara 1 La gara si è svolta sull'asciutto con una temperatura della pista di 26°C. Tuttavia, a causa delle condizioni variabili, la pista è stata dichiarata "bagnata" e la distanza di gara è stata di conseguenza ridotta a 5 giri.
Abbiamo assistito a buone prestazioni delle gomme slick, sia anteriori che posteriori, con aderenza e consistenza per tutti i piloti. I tempi sul giro sono migliorati rispetto a ieri.

 

Articoli che potrebbero interessarti