Tu sei qui

MotoGP, Bastianini: “In qualifica non mi sono spinto al limite”

“Per la gara sono comodo. Aleix e Pecco hanno il passo migliore, ma io devo affinare alcune cose. Marquez? La salute viene prima di tutto”

MotoGP: Bastianini: “In qualifica non mi sono spinto al limite”

Share


Un sabato a dir poco tribolato quello del Mugello per Enea Bastianini. L’obiettivo del portacolori Gresini era infatti quello di puntare alle posizioni di vertice, invece nella qualifica pomeridiana deve consolarsi con il decimo crono a oltre mezzo secondo dal suo compagno di squadra, il poleman Fabio Di Giannantonio.

Da parte sua non manca il rammarico, ma al tempo stesso c’è la consapevolezza che in gara sia possibile invertire la rotta.

“A dir la verità non si capiva molto quest’oggi – ha esordito - negli ultimi giri la pista era abbastanza a posto nonostante il meteo. Peccato, perché potevo fare meglio, ma domani potrò recuperare in gara. Mi aspettavo più del decimo posto, ma in queste condizioni non è mai facile, dato che basta poco per sbagliare e finire a terra”.

In pole c’è il suo compagno di squadra
“In qualifica ho spinto senza andare troppo al limite, a differenza di quanto fatto dai primi tre. Penso che chi abbia fatto la Q1 avesse un minimo di vantaggio, ma Fabio è stato molto bravo e gli faccio i complimenti”.

Come detto per Enea è stato un sabato a dir poco tribolato.
“La caduta di stamani non ha compromesso nulla, mentre quella del pomeriggio non ci voleva. Qualcuno ha cercato di infastidirmi. Per evitare Alex alla Buccine ho staccato troppo forte e sono uscito, non ci voleva”.  

Adesso la testa è rivolta alla domenica.
"Oggi dovevo fare un po’ meglio, dato che per due decimi potevo essere in seconda fila, invece sono fuori. Domani la partenza sarà cruciale e per la gara si vedrà. Pecco e Aleix hanno un gran passo, loro saranno quelli da tenere d’occhio. Io non sono messo male, penso di essere comodo, anche se bisogna affinare qualcosa. In alcuni punti, come il T3 e i cambi di direzione non sono competitivo come voglio, di conseguenza dobbiamo lavorare”.

Partenza e meteo saranno due aspetti cruciale secondo il portacolori Gresini.
“La partenza è la chiave di volta della gara, dato che se scatti male diventa poi complicato recuperare, soprattutto in MotoGP. La pioggia invece sarà un ostacolo per tutti i piloti. Ne ho viste poche di gare qua  con la pioggia in MotoGP. Sarebbe bello l’asciutto, a parte Pirro che è l’unico ad aver girato col bagnato”.

Non manca poi una battuta riguardo l’operazione che attende Marquez negli States. 
“Penso che Marc faccia bene. Se non riesce a esprimere il proprio potenziale è la scelta giusta. Quando stai fuori tanto inizia poi a mancare il feeling. Credo che la salute debba essere messa in prima piano”.

L’ultima parole riguardano infine Max Biaggi, il quale ha esaltato il talento di Enea.
"Le parole di Max fanno effetto, è un super campione che si intende di piloti. Mi fa piacere”.      

Articoli che potrebbero interessarti