Tu sei qui

MotoGP, Zarco: "ho dato spettacolo con quel dritto a 300 Km/h, ma ho avuto paura"

VIDEO "Credo di essere entrato un po' in ritardo, e quando vai a oltre 300 km/h non puoi permetterti di cambiare traiettoria nemmeno di un metro. Ho temuto di essere sbalzato in terra rientrando in pista"

MotoGP: Zarco: "ho dato spettacolo con quel dritto a 300 Km/h, ma ho avuto paura"

Share


Johann Zarco ha chiuso la prima giornata di prove a Le Mans, sul circuito di casa, con il quarto tempo, davanti dunque al connazionale Fabio Quartararo. Anche se Mr. backflip è rimasto soddisfatto della sua prestazione si è preso una bella paura quando è andato dritto alla prima curva durante la FP2, rientrando in pista, dopo esser passato sulla ghiaia a velocità curvatura, addirittura in volo!

“Sono ancora spaventato, ma inizio a sentirmi meglio sulla moto. E per questo ho cercato di andare più forte alla prima curva. Purtroppo credo di essere entrato un po' in ritardo, e quando vai a oltre 300 km/h non puoi permetterti di cambiare traiettoria nemmeno di un metro… ero troppo largo. Ho visto subito che non avrei mai raggiunto la corda, quindi ho dovuto tagliare. Mi aspettavo che la moto rimanesse ferma nella ghiaia, ma ha iniziato a muoversi molto. Ho provato ad accelerare di nuovo, ma non ha funzionato. Così sono saltato sulla pista e ho temuto di essere sbalzato fuori mentre stavo entrando sull'asfalto, ma ha tenuto. È stato un bene per lo spettacolo, ma io ho sentito una vampata di calore! Ero già in quarta marcia e volevo fare il minor movimento possibile. Sapevo che con la velocità che avevo non avrei potuto affondare nella ghiaia. È un bene che sia andata bene, perché è vero che quando la moto inizia a muoversi fa paura”.

Complessivamente come giudicheresti questa prima giornata di prove?
“Sono felice di essere quarto, stiamo facendo bene. Non sappiamo quali saranno le condizioni di domani e forse saranno troppo fresche per permetterci di puntare a un tempo di 1'31". L'idea era quella di ottenere un buon tempo e devo dire che Bastianini ha fatto un ottimo tempo e si è assicurato il posto per la Q2. Personalmente il mio tempo di 1.31.5 è venuto dal polso destro, anche se mi mancano ancora un paio di cose per giocare davvero con la moto. Ma durante le FP2 ho sentito un buon miglioramento, perché all'inizio del pomeriggio non eravamo sulla strada giusta. Alla fine ci siamo riusciti, e questo è impressionante. Sono felice, soprattutto perché capisco che per molte persone è difficile, visto il numero di cadute di oggi. Quindi, anche se non sono pienamente soddisfatto, riesco comunque a essere tra i migliori piloti della giornata, anche se è ancora una volta siamo tutti molto vicini, come sempre in MotoGP. Ma la pista mi piace, ho buone sensazioni e voglio di più, ed è qui che devo mantenere la calma perché non otterrò di più arrabbiandomi”.

Com’è il tuo passo di gara?
“Ho fatto due volte dieci giri, con molti tempi nella finestra dell’1.32. Ma dato che altri piloti sono già in grado di fare 1.31 con la gomma media, questo mette tutto in prospettiva. Potrei essere in grado di fare un 1.31.1 sulle morbide, ma se gli altri sono in grado di fare un 1'31.8 sulle medie, hanno un vantaggio. Ma penso che possiamo raggiungere questo ritmo, anche se vorrei essere sentirmi meglio sulla moto. Ma devo dire che non mi sono stancato, quindi c'è modo di avere un buon ritmo”.

 

Articoli che potrebbero interessarti