Tu sei qui

MotoGP, Masini, Gresini Racing: "Ducati vuole tenere Bastianini, magari con noi"

VIDEO - "Noi stiamo tenendo Enea tranquillo, tutte le possibilità sono aperte, anche di gestire una moto Factory per lui. Una parte del mio cuore è rimasto in Aprilia, sono stati sette anni bellissimi"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Michele Masini è attualmente il Team Manager di Gresini Racing in MotoGP, una squadra che possiamo definire essere stata protagonista di un divorzio di successo con Aprilia, nel senso assolutamente buono del termine. 

Da quando le strade di queste due realtà si sono separate infatti, sono arrivate le vittorie di Bastianini con la Ducati ed anche di Aleix Espargarò con la moto di Noale. Il frutto del lavoro è stato dunque raccolto da entrambi, anche se con colori diversi. Il cuore di Michele è però rimasto legato in parte a questa parentesi della sua vita ed a Misano l’abbiamo incontrato durante l’Aprilia All Stars parlando con lui di tanti argomenti.

“Sono venuto a trovare i vecchi amici, in sette anni abbiamo creato un gruppo di lavoro fantastico. Bello salutare Massimo Rivola, Aleix, Andrea Iannone. Poi abito anche vicino, quindi…”

Le vostre strade si sono separate nel momento giusto.
“Sono contento per Aprilia, erano già competitivi. La cosa su cui si sono sempre poggiati è la forza di Aleix, che ci ha sempre creduto. Tanti complimenti a lui perché dimostra di aver raggiunto una tranquillità e consapevolezza incredibile. Noi abbiamo sposato con Ducati un progetto giovane, con piloti giovani ed anche con tanti ragazzi del team giovanissimi. C’è una grande voglia di fare bene, si vedeva già dai test di Jerez del 2021. Però un avvio di stagione così dirompente non se lo aspettava nessuno, ma siamo felicissimi”. 

Enea Bastianini è un po’ un uomo mercato, quante possibilità ci sono che resti con voi?
“Io penso che tutto sia possibile adesso, ma è chiaro che l’obiettivo di Ducati sia di tenere Enea. Poi è da capire se nel team ufficiale o magai nel nostro con una moto factory. L’unica cosa che posso dire è che dal lato nostro non stiamo facendo nessuna pressione su Bastianini perché lo vogliamo tenere tranquillo e sereno, perché penso che questo sia uno dei punti di forza del nostro team”. 

Fabio Di Giannantonio sta soffrendo nella stagione di debutto. 
“Questa categoria è incredibile, basta pensare che a Jerez in FP2 in tre decimi erano in undici. E’ una stagione difficilissima per debuttare, ma Fabio sta imparando tanto. Ovviamente ci sono delle fasi del percorso di adattamento da terminare, per anche lui sta dando il 110% e sono sicuro che si farà vedere molto presto”.

Articoli che potrebbero interessarti