Tu sei qui

Pirro pigliatutto a Vallelunga nel CIV SBK: doppietta e vetta della generale

Michele Pirro fa 2 su 2 nel CIV Superbike a Vallelunga e diventa leader di campionato. Alessandro Delbianco ci prova, ma si arrende e chiude 2°. Sul podio Niccolò Canepa, a terra Randy Krummenacher e Flavio Ferroni

SBK: Pirro pigliatutto a Vallelunga nel CIV SBK: doppietta e vetta della generale

Share


Si è concluso nel miglior modo possibile il secondo week-end stagionale per Michele Pirro. Sulla scia della pole position e della vittoria conseguite nella giornata di ieri, in data odierna il pluricampione italiano ha centrato la doppietta personale all'Autodromo Piero Taruffi di Vallelunga come non accadeva dalla finalissima del 2021. Un'affermazione dal doppio significato, la terza del 2022 nonché la 54esima in carriera nel CIV Superbike, che al contempo lo proietta al vertice della classifica generale, malgrado la scomoda presenza alle sue spalle del "solito" Alessandro Delbianco.

Prova di forza

Scattato perfettamente allo spegnimento dei semafori, in controtendenza a quanto accaduto in Gara 1, almeno in avvio il portacolori Barni Spark Racing Team ha visto DB52, questa volta decisamente più a suo agio sulla RSV4 di Nuova M2 Racing, restare in scia agli scarichi della propria Panigale V4-R #51. Proprio quando sembrava riproporsi lo scoppiettante duello messo in scena nel medesimo teatro tra i due diretti interessati lo scorso anno, sulla lunga distanza è però venuta fuori la qualità e l'esperienza del tester Ducati, in grado di allungare fino a sette secondi sul rivale: 2 su 2 e leadership raggiunta a quota 79 punti, con 7 lunghezze su Canepa e 20 sullo stesso Delbianco.

Yamaha arranca

Con Alessandro Delbianco secondo in solitaria per l'intera seconda parte di gara, l'ormai ex primatista di campionato Niccolò Canepa ha limitato i danni, salendo in extremis sul terzo gradino del podio a scapito di Luca Vitali (Scuderia Improve-Firenze Motor), seppur staccato di oltre 10 secondi dal Ducatista. Un risultato che salva il bilancio in un fine settimana in cui la Yamaha R1 del Keope Motor Team è apparsa meno incisiva rispetto all'apertura di stagione a Misano. Il prossimo round, in programma il 18-19 giugno prossimi all'Autodromo Internazionale del Mugello, dovrà rappresentare pertanto il decisivo banco di prova per scoprire il reale potenziale della moto.

Krummenacher avvio in chiaroscuro

Sorte peggiore è invece toccata al compagno di squadra Randy Krummenacher, scivolato nelle battute iniziali alla Roma per un contatto con Flavio Ferroni: un debutto nel CIV in chiaroscuro per il Campione World SSP 2019, assente a Misano per i postumi del long-Covid e quinto ieri pomeriggio. Tra infortuni e ritiri vari, sono giunte al traguardo appena nove moto... ordine d'arrivo completato rispettivamente da Agostino Santoro (anch'egli all'esordio in stagione), Sheridan Morais (ancora sostituto di Samuele Cavalieri sulla Ninja ZX-10RR di Black Flag Motorsport), Kevin Manfredi, Michal Filla e Gianluca Sconza (finito pure a terra).

Photo credit: daniguazzetti.com

RISULTATI:

Articoli che potrebbero interessarti