Tu sei qui

VIDEO Sokol: il sogno del Kazakistan di ospitare MotoGP e F.1

Il miliardario kazako Dastan Ibragimov aveva il sogno di portare la MotoGP con i suoi più alti standard nel suo paese e lasciare un'eredità al popolo del Kazakistan. Hermann Tilke ha costruito il circuito. ma ora?

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Il calendario della MotoGP si sta espandendo ogni anno, portando gioia ai suoi fan in tutto il mondo.
Storicamente, il campionato è stato aiutato in Europa, Nord America, Sud America, Medio Oriente, Africa e Asia. Tuttavia, MotoGP e SBK puntano ora a far parte dell'Eurasia.

Kazakistan. Cosa sappiamo su di esso a parte il suo passato post-sovietico e il suo famigerato giornalista Borat?

Il miliardario kazako locale Dastan Ibragimov aveva il sogno di portare la MotoGP con i suoi più alti standard nel suo paese e lasciare un'eredità al popolo del Kazakistan.


L'idea centrale era quella di creare un circuito professionale che non solo avrebbe soddisfatto i requisiti tecnici per ospitare la MotoGP e il Gran Premio di Formula 1 qui, ma anche stabilito nuovi standard di alto livello. È stato allora che Dastan e il suo team si sono rivolti alla Dorna e alla FIM per creare una nuova pista che si distinguesse da tutte le altre. La scelta dell'architetto giusto è stata un fattore chiave per realizzare questa missione. Questo è stato il momento in cui Hermann Tilke è entrato in gioco. Uno dei più famosi, esperti e appassionati architetti di circuiti del mondo, fu felice di accettare la proposta di progettare questo nuovo circuito per la migliore serie di corse motociclistiche del mondo.

Il SOKOL RACETRACK si trova a 76 km dalla capitale economica e culturale del Kazakistan, Almaty.
La lunghezza totale della sua configurazione MotoGP è di 4495 metri con 8 curve a destra e 4 a sinistra.
Una delle innovazioni qui è il principio della "doppia curva a sinistra" (curva #12), che secondo la direzione di Sokol non è mai stata fatta prima in nessun'altra pista.

Il rettilineo più lungo tra le curve otto e nove è stato progettato insieme alla FIA e alla FIM che hanno affermato che questo è uno dei circuiti più veloci del mondo. Il team di gestione di Sokol ha fatto riferimento all'ingegnere dei dati di Dani Pedrosa, che ha fatto la simulazione di gara e ha confermato l'affermazione. Sokol non ha rivelato i dati sulla velocità massima, anche se ha confermato che presto i fan della MotoGP vedranno un nuovo record di velocità massima qui.

Alcuni fatti interessanti sul Sokol.
La pista ha camere d'albergo speciali per i piloti proprio sopra i box delle squadre.
C'è un secondo hotel a disposizione di tutti i visitatori che vogliono godersi le gare proprio nella piscina.
Invece di tende (come viene fatto in alcuni GP) Sokol ha costruito edifici per i team adeguati per ogni produttore, e anche un ufficio speciale per Dorna.
Nel 2016 Jorge Lorenzo è stato annunciato come ambasciatore del Solol RaceTrack.

Mentre la pista principale è in costruzione, Sokol sta già gestendo piste più piccole per l'allenamento e le competizioni, come una drag strip di 402 m che è stata progettata in conformità con gli standard globali di Race America, un Drift Ring, una pista per buggy, e un circuito più piccolo di 1650 m utilizzato da go-kart, auto da corsa e motociclette.

La pista dovrebbe essere terminata entro la fine del 2022. La sua gestione non aveva chiaramente fretta, visto che è passato quasi un decennio per finirlo. Secondo l'amministratore delegato di Sokol, Rakhimjan Talapov, la perfezione richiede tempo ed è per questo che tutte le parti coinvolte come FIM, FIA, Dorna, Tilke, Racing Loop hanno collaborato insieme per creare qualcosa di speciale.

Questo film mostra altri fatti interessanti sulla pista, le sue strutture e i suoi primi test in assoluto su una moto di Grande Rustem.

 

Articoli che potrebbero interessarti