Tu sei qui

MotoGP, Zarco il migliore nei test di Jerez davanti a Binder e Quartararo

Tante le cadute, quasi tutte senza conseguenze. Remy Gardner e Takaaki Nakagami sottoposti a controlli. Savadori imbratta la pista d'olio per un problema tecnico

MotoGP: Zarco il migliore nei test di Jerez davanti a Binder e Quartararo

Share


Test conclusi a Jerez. Il miglior tempo è rimasto nelle mani di Joahnn Zarco, comunque lontano dalle prestazioni della pole di Bagnaia in 1.36.170. Inutile però fare paragoni visto che oggi la temperatura era sì più bassa di sabato scorso ma con abbastanza vento che ha disturbato i piloti.

17.30 - Ultima mezz'ora di test, al momento in pista c'è solo Alex Marquez.

16.45 - Bandiera verde, riapre la pista.

16.40 - La pista è ancora chiusa.

16.10 - Bandiera rossa in seguito a un problema tecnico sulla moto di Savadori. Qualche minuto prima Remy Gardner è caduto alla curva 4, riportando una brutta botta alla schiena e alla mano.

16.00 - Due ore alla fine dei test: la classifica aggiornata.

15.55 - Enea Bastianini oggi ha provato per la prima volta la carena 2022 (quella che i piloti con la moto ufficiale usano da inizio anno, la vedete nella foto qui sotto) sulla sua Ducati GP21.

“Abbiamo provato un po’ di cose, forse un piccolo passo avanti lo abbiamo fatto - ha detto il pilota del team Gresini - Oggi la pista era un po’ diversa, siamo stati più veloci con le gomme medie, due tre decimi. Il passo era migliore. Sono contento, poi il pomeriggio si è alzato il vento ed ho preferito stare calmo, sappiamo benissimo che abbiamo un campionato davanti, quindi ho preferito non prendere rischi. Ho provato la carena nuova, ha pro e contro, è da valutare: è più snella, nei cambi di direzione è veloce ma è un po’ più instabile. In questa pista va bene, ma se partissimo oggi la sceglierei. Non ho scoperto cosa non andava ieri, la moto è stata subito migliore. Forse perché ieri era molto caldo, forse avremmo dovuto fare qualcosa ma va bene così”.

15.50 - Jack Miller, attualmente 4° in classifica, ha fatto il bilancio della sua giornata di test.

"È stata positiva - ha detto l'australiano della Ducati - Non avevamo molto da provate, solo avere una doppia, quando non una tripla, conferma su alcune cose. Ho giocato con il setup, modificando angoli e lunghezze, per migliorare la mia fiducia nell'anteriore, un'area in cui ho faticato questo fine settimana, e ho trovato qualcosa di utile per Le Mans. Oggi era più importanti fare esperimente che guardate il cronometro. C'era molto vento, che creava turbolenze nel rettilineo opposto, ed era anche freddo".

15.20 - L'ala anteriore della RS-GP ci ricorda che a fine settimana, a Misano, ci sarà l'All Stars Aprilia.

15.10 - Brad Binder è caduto alla curva 13. La classifica aggiornata.

15.05 - Johann Zarco è caduto alla prima curva.

14.46 - Varie novità per Aprilia: Aleix Espargaró sta provando telaio e forcellone nuovi, come anche un nuova frizione, che sta utilizzando anche Vinales. Per Lorenzo Savadori ci sono alcuni particolari nuovi per motore e airbox. Tutti stanno utilizzando l'evoluzione dell'abbassatore posteriore.

14.40 - I piloti Suzuki hanno fatto il punto sulla loro giornata di test.

Joan Mir: "Oggi non è la migliore giornata per trovare una soluzione ai problemi di surriscaldamento della gomma anteriore perché c'è vento ed è freddo. Al mattino ho cercato di migliorare la GSX-RR nelle curve veloci e ci sono riuscito, nel pomeriggio proveremo qualcosa per aumentate il grip al posteriore. Non avevamo materiale nuovo da provare, ma penso che il nostro pacchetto attuale abbia ancora margine di miglioramento".

Alex Rins: "È una buona giornata, perché abbiamo individutato il problema che mi aveva tolto fiducia ieri in gara, alla fine era una cosa piccola. Per il resto, ho fatto qualche esperimento con il setup della moto e riprovato un forcellone che avevo già utilizzato nei test di Sepang".

13.11 - Brad Binder è caduto alla curva 8, il pilota sta bene.

13.05 - La classifica aggiornata.

12.54 - Maverick Vinales è caduto.

12.50 - La nuova Honda non dà fiducia a Marquez sull'anteriore, per cercare di risolvere il problema si stanno facendo alcuni esperimenti sull'aerodinamica. Marc oggi ha provato anche le vecchie ali come vedete nella foto qui sotto.

12.49 - Zarco fa segnare il miglior tempo: 1'37"136.

12.45 - Alex Rins in questo momento ha il 5° tempo a meno di mezzo secondo da leader. Ieri per lui la gara non è andata bene, ma oggi sembra decisamente più a posto. Curatissima come sempre la Suzuki GSX-RR, forse la più bella MotoGP con un serbatoio con un particolare sagomato come 'fermo' per le ginocchia per aiutare il pilota a puntellarsi in staccata.

12.40 - Gigi dall'Igna è parecchio indaffarato con otto moto in pista e fa la spola fra un box e l'altro. Qui è con Luca Marini, che fra i ducatisti è quello più in difficoltà. Ovviamente è presenza (quasi) fissa nel box Pramac, lato Zarco, visto che il francese fa anche da collaudatore.

12.30 - Brad Binder regala un sorriso alla KTM, suo il miglior tempo in 1'37"294.

12.25 - Nakagami ha lasciato il circuito, i suoi test sono finiti. Andrà a Barcellona per sottoporsi a una TAC alla gamba sinistra.

12.05 - Ecco una foto (di Tino Martino, dell'agenzia Milagro) della caduta di Takaaki Nakagami alla prima curva. Il pilota del team LCR ha sbattuto contro gli airfence ma sta bene.

11.55 - Fabio Quartararo segna il miglior tempo: 1'37"508.

11.50 - La classifica aggiornata.

11.45 - Aleix Espargarò è stato l'ultimo dei piloti a scendere in pista, ora ha il 3° tempo dietro al fratello Pol e a Quartararo.

11.40 - È una giornata importante per Marc Marquez e della Honda, che devono riuscire a risolvere i problemi della nuova RC213V. Il pilota spagnolo ha bene 3 moto nel suo box.

11.20 - In pista c'è anche Pecco Bagnaia, al momento è previsto che giri solo al mattino per via delle condizioni della sua spalla.

11.00 - Giornata più fredda e ventosa di ieri. E' prevista anche pioggia nel tardo pomeriggio. E' caduto Nakagami e la pitlane è rimasta chiusa per l'esposizione della bandiera rossa. Ora l'attività è ripresa. Ecco i tempi.

 

 

Articoli che potrebbero interessarti