Tu sei qui

Morbidelli:”Alonso ha ragione, in MotoGP come in F.1 conta l'affiatamento"

"La differenza la fa il mezzo e l’affiatamento con lui. Contento di avere il contratto 2023: le mie prestazioni attuali mi fanno perdere credibilità, ma è importante avere una stabilità contrattuale, soprattutto nei momenti difficili”

MotoGP: Morbidelli:”Alonso ha ragione, in MotoGP come in F.1 conta l'affiatamento"

Share


di Mattia Caimi

Nonostante la 16° posizione in qualifica Morbidelli ha spiegato di aver trovato la direzione giusta con la Yamaha. Quel che manca all’italo-brasiliano è la velocità in qualifica mentre si è detto abbastanza soddisfatto del passo gara.

Morbido si è anche lasciato andare su qualche considerazione sulla situazione tecnica in MotoGP. L’aspetto decisivo per essere vincenti? Franco è d’accordo con Alonso: l’affiatamento con il mezzo.

“Siamo riusciti a migliorare in frenata e in accelerazione. Ci manca ancora qualcosa a centro curva rispetto a come mi piace guidare, ma stiamo migliorando, specialmente nelle FP4, dove non abbiamo dovuto spingere al massimo mentre in qualifica, dove si deve spingere al massimo, il mio limite arriva prima di quello di Fabio”.

Com’è stato questo weekend lavorare sempre in condizioni simili?
"Bello!, ne avevamo bisogno. Stiamo provando delle cose, provando a fare il passo avanti, ma si sa quando devi provare materiale a volte va bene altre peggio, a volte si sta davanti altre indietro per domani proveremo un grande cambiamento nel warm up".

Qual’è la tua situazione per domani, pensi di poter fare una buona gara?
“Non ancora al meglio. Direi decentemente competitivi. So che è molto che continuo a ripetere che ci sono quasi e poi i risultati non lo confermano, e la cosa potrebbe farmi sembrare pazzo, ma non lo sono.”.

Pensi di aver trovato la direzione giusta?
“Sì, penso che l’abbiamo trovata. Non ho il passo migliore ma posso stare nella parte alta della classifica, anche se in qualifica sono ancora dietro. Voglio raggiungere una condizione in cui essere veloce sempre. Quando ero al massimo ero sempre in grado di lottare con Fabio battendolo qualche volta. Voglio tornare in quello stato”.

Franco, prima parlavamo con Bezzecchi e diceva che con la MotoGP il tempo si fa in frenata e in ingresso, vero?
“Sì è una fase importante”.

Dove fa la differenza Fabio sulla Yamaha?
“In inserimento”.

Spiegati.
“Se frena uguale percorre meglio, se percorre uguale frena dopo. Ha più margine al momento”.

Lunedì è previsto qualcosa di nuovo sulla M1, cosa?
“Sì, ma non si può dire cosa”.

Sei contento di avere già il contratto per il 2023?
“Si, le mie prestazioni attuali mi fanno perdere credibilità, ma è importante avere una stabilità contrattuale, soprattutto nei momenti difficili”.

Come giudichi il momento di Marquez?
"Anche lui non è al top della forma, tecnica e forse fisica”.

Alonso ha detto che quando ci sono i super campioni, hanno sempre avuto il miglior mezzo e l'affiatamento con lo stesso, che ne pensi?
"Secondo me la differenza sta nel divario tra il talento e nella velocità che si riesce a esprimere in determinati momenti, come l’ultimo giro in qualifica e gli ultimi 5 in gara. Se questa differenza c’è è proprio per l’affiatamento con il mezzo”.

Questo perché le moto sono vicine o sono facili da portare fino a un certo livello?
“Secondo me è tutto molto estremizzato e a posto, oltre al fatto che gli ultimi due anni hanno fatto sì che le moto cambiassero poco e il livello si è compattato ”.

 

 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti