Tu sei qui

Mir: “Con le MotoGP Jerez sembra ogni anno più piccola”

"Su questa pista è importante partire davanti, se sei dietro a qualcuno può accadere di tutto. L’anteriore si surriscalda perché ci sono tanti stop & go. Il tempo si farà nella FP3, quando fa più fresco"

MotoGP: Mir: “Con le MotoGP Jerez sembra ogni anno più piccola”

Share


di Mattia Caimi

Dopo essersi preso la testa delle FP1 in mattinata, Joan si è dovuto accontentare di un 12° posto nelle FP2, virtualmente fuori dalla Q2. Nonostante la posizione da metà classifica Mir è soddisfatto del passo che è riuscito a trovare nella prima giornata di prove a Jerez convinto di potersi migliorare nelle prossime sessioni.

"Nelle FP2  con le gomme usate il team mi ha detto di rientrare ai box, ma io ho provato a rimanere dentro altri 2 giri per vedere come si comportava la moto con gomme usate: nel primo giro ho cercato di vedere se funzionava tutto bene e nel secondo sono andato a rotta di collo. La cosa più importante il primo giorno, più che il tempo è trovare il feeling generale con la moto e sono contento perché l’ho trovato. Si può migliorare ma non siamo i più veloci. Saranno importanti le FP3 per il giro e prepararsi per la gara".

In FP3 ci sono condizioni migliori che nel pomeriggio, la pista è più fresca e c’è più grip. É un buon motivo per non preoccuparsi della posizione delle FP2?
“É sempre importante stare in top 10 di solito nelle FP3 è il momento in cui puoi fare il tempo migliore a causa del fresco. Non sono preoccupato, perché abbiamo la velocità per fare bene. Sicuramente sarebbe meglio non dover dare il tutto per tutto negli ultimi due giri come oggi, ma l’importante è il passo".

Pensi  che il setup sia a posto in ottica gara?
“É solo il primo giorno ma il mio passo non è lontano da quello da avere in gara, abbiamo fatto dei passi avanti ma abbiamo ancora un bel margine".

Quanto è importante partire davanti sullo schieramento?
“Su questo tracciato, molto: quando stai dietro a qualcuno può accadere di tutto. L’anteriore si surriscalda perché ci sono tanti stop & go”.

In questa gara si dice che si usino molto i cordoli, è vero?
“Ci sono punti in cui è uno spazio che va utilizzato per avere quel qualcosa in più. Ho corso qui per molti anni, sin dalla Pre-GP con molte moto, la pista sembrava così grande e ora con la MotoGP sembra di andare sui kart. Tutte le volte sembra più piccolo”.

Si frena anche molto sui cordoli.
“Sì, soprattutto alla 5 e alla 11”.

Fa troppo caldo per la media davanti?
“Si ci ho fatto la prima uscita, ma è molto morbida per la gara che sarà il pomeriggio. Durante la FP1, che fa più fresco l'abbiamo finita, non durerebbe tutta la gara”.

 

Articoli che potrebbero interessarti