Tu sei qui

SBK, Petrucci e la Superbike: “Vorrei fare la wildcard a Phillip Island con la Ducati”

“Quello è un posto magico. Qua in America i circuiti sembrano dei club, lunedì ho girato in Virginia, c’erano solo curve di prima e seconda marcia e ho trovato otto tipi di asfalto diverso”

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Tra poche ore lo rivedremo nuovamente in azione ad  Atlanta, in occasione del secondo round del MotoAmerica. Dopo la doppietta di due settimane fa ad Austin, Danilo Petrucci va a caccia di conferme nel Campionato a stelle e strisce in un round non certamente facile da affrontare.

Proprio il pilota di terni, portacolori del team Ducati New York, è stato nostro ospite in occasione della live di mercoledì sera. Tanti i temi affrontati insieme a lui tra cui ovviamente il MotoAmerica: “Ormai sono qua da tre settimane e mi sto abituando a questa nuova vita – ha commentato – vivo in un casinò, dove ci sono roulette ad ogni piano (sorride). Tra pochi giorni saremo di nuovo in azione, di conseguenza voglio arrivare pronto al round di Atlanta. Qua le piste sono diverse e bisogna impararle velocemente. Lunedì ero in Virginia a provare su un tracciato che sembrava essere privato con curve di prima e seconda e un lungo rettilineo da sesta marcia – ha ricordato – inoltre i muretti sono vicini e ho trovato otto tipi di asfalto diversi. Mi ricordo tra l’altro una curva che sembra la rampa di un garage e un’altra liscia di catrame nero (sorride)”.   

Intanto molti appassionati sperano di vederlo presto nel Mondiale SBK. Chissà mai che Misano non possa essere l’occasione per un primo assaggio? “Non ancora guardato la data di Misano, ma c’è una gara fighissima a Phillip Island – ha detto Danilo – quello è un posto spettacolare dove ho tanti amici, inoltre ho già terminato i miei impegni qua in America. Ho puntato a quella gara e mi farebbe piacere poter esserci, anche perché è l’ultima della stagione e nel 2019 Alvaro fece una gara straordinaria. Ovviamente non mi dispiacerebbe correre a Misano, dato che avrei la scusa di tornare a casa (sorride)”.

L’Australia è la gara di fine 2022 e non sarebbe affatto male vedere Petrux ai blocchi di partenza: “Se ci fosse l’opportunità io sarei davvero contento – ha detto - al momento però non c’è ancora nulla in programma”.

Articoli che potrebbero interessarti