Tu sei qui

SBK, Rea: “La Ducati è un razzo, ma questo non significa sia la moto migliore”

“Ho perso il conto di quante volte Alvaro mi abbia sorpassato in rettilineo. Avevo una strategia per l’ultimo giro, ad un certo punto pensavo volesse bloccarmi con quella staccata, poi ho trovato il varco”

SBK: Rea: “La Ducati è un razzo, ma questo non significa sia la moto migliore”

Share


All’ultimo respiro, proprio così! Una vittoria capolavoro quella di Johnny Rea al Motorland di Aragon. Il Cannibale conquista infatti il primo successo stagionale al termine di un incandescente testa a testa con la Ducati di Alvaro Bautista.

Meglio di così non poteva quindi iniziare il 2022 del nordirlandese, rivelatosi Cannibale a tutti gli effetti nella manche del sabato.

“Sono davvero molto felice per questo risultato – ha esordito – quest’oggi la moto era competitiva, ma soprattutto stabile e agile. Abbiamo lavorato bene con le gomme soft e siamo riusciti a raccogliere i frutti di quanto fatto. Sono in credito con la mia squadra e con Showa per tutto ciò che hanno fatto durante la preseason”.

In tutto ciò il Cannibale non dimentica il passato.

“Nel 2019 sono arrivato dietro ad Alvaro di 10-15 secondi, oggi invece sono riuscito a vincere e questa è una grande motivazione per me. Vincere qui è una cosa fantastica per iniziare la stagione, dato che la mia priorità era quella di lottare per il podio”

Non manca poi un accenno alla Ducati dello spagnolo.

“La sua moto è un razzo, è incredibilmente veloce, ma questo non significa che sia la migliore. Durante l’inverno il team ha lavorato tantissimo e la Kawasaki è diventata molto competitiva sotto diversi aspetti, tra cui l’accelerazione”.

La conclusione è invece per il duello finale con Bautista.

“Avevo una sola opportunità in quell’ultimo giro. Dentro di me sapevo che Alvaro ci avrebbe provato, dato che in rettilineo mi aveva già sorpassato innumerevoli volte. Soltanto che questa volta mi ha passato a fine rettilineo, infatti pensavo volesse bloccarmi. Lui però è andato leggermente lungo, così mi sono inserito e sono riuscito a vincere”.

Articoli che potrebbero interessarti