Tu sei qui

SBK, Pirelli 'battezza' l'inizio del mondiale delle derivate di serie ad Aragon

Aragon è un un tracciato che possiede un asfalto piuttosto aggressivo, in particolare per i pneumatici posteriori. Per il 19° anno il monogomma delle derivate di serie è italiano

SBK: Pirelli 'battezza' l'inizio del mondiale delle derivate di serie ad Aragon

Share


Finalmente riparte il mondiale Superbike, alla sua 35a stagione, la diciannovesima gommata Pirelli in tutte le classi. La ripartenza è ad Aragon, un tracciato che possiede un asfalto piuttosto aggressivo, in particolare per i pneumatici posteriori.

La superficie infatti presenta una rugorosità piuttosto pronunciata e la sabbia, che in giornate ventose può depositarsi sull’asfalto, può causare perdite di aderenza in percorrenza e derive verso il centro di curva.

Pirelli ha optato sia per soluzioni morbide che per soluzioni medie, quest’ultime utili soprattutto nelle prime sessioni del mattino in caso di temperature particolarmente basse. I pneumatici anteriori, in aggiunta all’usura causata dall’aggressività dell’asfalto, sono chiamati anche a sopportare la violenta frenata in fondo al rettilineo opposto al rettilineo dei box e le forti pendenze che causano un carico elevato sull’anteriore, così come le curve veloci e i molteplici cambi di direzione, dove è richiesto un buon livello di precisione ed aderenza al suolo.

Le soluzioni per le classi WorldSBK e WorldSSP

Nella classe WorldSBK i piloti avranno a disposizione sei soluzioni da asciutto, tre soluzioni anteriori e tre posteriori.
 
Per l’anteriore le tre soluzioni disponibili sono costituite da due di gamma, la morbida SC1 e la media SC2, e una di sviluppo. La SC1 di sviluppo, in specifica A0674, è stata utilizzata e apprezzata nel 2021 nei round di Jerez e Portimão. Rispetto alla SC1 di gamma presenta una modifica nella struttura al fine di aumentare il feeling e la fiducia nella fase in ingresso in curva e in massimo angolo di piega.
 
Per quanto riguarda il pneumatico posteriore, i piloti hanno a loro disposizione due opzioni di gamma e una di sviluppo. Le opzioni di gamma sono la soluzione morbida SC0 e super morbida SCX, conosciuta durante la stagione precedente come la soluzione di sviluppo A0557. Quest’ultima è stata, a partire dal suo debutto al round di Misano, la soluzione super morbida più utilizzata dai piloti. La soluzione di sviluppo è in mescola SCQ nella specifica A1359: rappresenta la prima soluzione SCQ validata dai piloti durante i test invernali, permettendo un considerevole miglioramento dei tempi sul giro rispetto alla soluzione SCX.
 
Nella categoria WorldSSP saranno invece cinque le soluzioni da asciutto a disposizione dei piloti, due anteriori e tre posteriori, tutte unicamente di gamma.
 
Per l’anteriore ci saranno a disposizione dei piloti la nuova soluzione SC1 di gamma, evoluzione della specifica di sviluppo A0460, ed una mescola media SC2 di gamma, che rispetto alla prima permette più resistenza all'usura.
 
Per quanto riguarda il posteriore, i piloti della classe WorldSSP avranno a disposizione una mescola super morbida SCX, una morbida SC0 ed una mescola media SC1, progettata per offrire il giusto compromesso tra prestazioni elevate, costanti e un'usura contenuta.
 
Come sempre, in caso di maltempo, i piloti di tutte le classi avranno a disposizione pneumatici da pioggia e intermedi.
 

 

Articoli che potrebbero interessarti