Tu sei qui

MotoGP, Espargarò: "Sono orgoglioso della pole ma sarò felice solo dopo la gara"

VIDEO - "So di avere un buon ritmo e devo rimanere rilassato. Dedico questo risultato a tutti gli uomini di Aprilia, se non commetteremo errori quest'anno potremo fare qualcosa di storico"

MotoGP: Espargarò: "Sono orgoglioso della pole ma sarò felice solo dopo la gara"

Share


L’ultima volta che l’Aprilia partì davanti a tutti in una gara in pista di sentivano ancora le urla del 2 tempi, Jeremy McWilliams la RSW-2 500 in pole a Phillip Island. Oggi Aleix Espargarò ci è riuscito nuovamente, in MotoGP, in Argentina e con la RS-GP. Un risultato storico che lo riempie di gioia e non solo.

È un regalo che ho fatto ad Aprilia, sono contento, anzi orgoglioso perché mi sento il papà di questa moto e di questo progetto - ha detto - Sono felice di vedere la gente di Noale contenta e dedico questa pole a tutti loro, anche a chi è a casa. So solo io quanto abbiamo sofferto in questi 5 o 6 anni, ma adesso mi sto divertendo molto. Forse questo momento è arrivato un po’ tardi nella mia carriera, ma non sapete quanto sia bello avere una moto così competitiva. L’importante sarà la gara, ma per un pilota è una bella sensazione essere così veloce”.

Lo spagnolo non è stupito di questo risultato.

Termas è una pista dove è molto importante avere fiducia nell’anteriore e l’Aprilia è molto competitiva in entrata di curva con i freni in mano - ha spiegato - Già in Qatar, ero arrivato 4° ma mi ero sentito il più forte in gara, anche Indonesia sull’asciutto avrei potuto lottare per il podio. Questo sarà bell’anno e bisognerà usare la testa, se giocheremo bene le nostre carte penso potremmo arrivare a Valencia con un risultato storico. Non voglio parlare di un risultato, ma se non commetteremo errori potremo fare molti punti.

Il primo passo da fare sarà domani.

“Senza dubbio questa è la RS-GP migliore che abbia mai avuto - ha continuato - Dal 2020 abbiamo cambiato modo lavorare, serviva tempo, e oggi è un piacere essere stato il più veloce. Ho anche un bel passo, sono sereno e tranquillo e penso che domani potrà essere altro giorno storico per noi. Voglio tenere comunque i piedi per terra, abbiamo fatto un solo giorno di prove e c’è tanto da analizzare. Cercherò di spingere dal primo giro, ho un buon ritmo e sarò rilassato.

Aleix non ha nascosto che è domani il giorno chiave.

Oggi sono contento, è bello essere veloce il sabato, ma quello che mi renderà felice sarà un bel risultato domani, riuscire a fare la storia con Aprilia - ha detto - Questi piccoli momenti di gioia sono comunque fantastici, vedere la gente nel box con il sorriso mi fa sentire felice e orgoglioso, sono una seconda famiglia per me”.

Quindi a cosa punta?

Dopo le FP2 ero molto fiducioso, fin troppo e non avevo mai provato questa sensazione in passato - la risposta - Non sono io quello che deve dire come guido, ma mi sento competitivo. Con un solo giorno di prove non bisogna guardare troppo il passo degli altri, ma il mio è veloce, sarà importante nei primi giri non fare troppo casino e cercare di imporre il proprio ritmo”.

Anche Vinales è cresciuto e non partirà tanto distante dal compagno di squadra, al 5° posto.

La perfezione sarebbe stata una doppietta - ha sorriso Aleix - Maverick è stato veloce tutto il giorno e solo in piccolo problema in qualifica, penso che Aprilia abbia una bella coppia di piloti e i risultati arriveranno” ha assicurato.

Articoli che potrebbero interessarti