Tu sei qui

MotoGP, Dovizioso: "Sono ottimista, Termas è una buona pista per la M1"

Andrea deve risalire la china dopo lo stop per un problema elettrico in Indonesia. Binder motivato dopo il 10° posto: "sono pronto a ripartire da zero e migliorare"

MotoGP: Dovizioso: "Sono ottimista, Termas è una buona pista per la M1"

Share


La strada di Andrea Dovizioso in Yamaha è stata fin qui in salita. L’adattamento alla M1 non è facile per il forlivese, abituato per anni a una moto, la Ducati, con caratteristiche diametralmente opposte a quelle della giapponese. Anche questo 2022 non è partito bene: in Qatar si è dovuto accontentare di un 14° posto mentre a Mandalika è stato costretto al ritiro per problemi elettrici dopo una manciata di giri, anche se sul bagnato le sue prestazioni era state più convincenti.

Ora lo attende Termas de Rio Hondo e il Dovi vuole farsi trovare pronto.

Dopo il triste risultato in Indonesia, ho veramente voglia di tornare in sella e fare meglio - garantisce - Avevamo la capacità di fare fuori buone cose, ma alla fine non ne abbiamo avuto la possibilità. Termas de Rio Hondo è una pista piuttosto unica, non ci siamo stati per due anni, quindi sono curioso di sapere come saranno le condizioni. Tuttavia, arriviamo lì ottimisti. Penso che possa essere una buon circuito per la Yamaha.

Il suo compagno di squadra Darryn Binder, invece, arriva in Argentina galvanizzato dall’ottimo 10° posto ottenuto sotto la pioggia di Mandalika. Un bel risultato per un debuttante passato direttamente dalla Moto3 alla MotoGP.

"Sono davvero entusiasta di andare in Argentina - non nasconde il sudafricano - Non siamo stati a Termas de Rio Hondo per un paio d'anni, ho dei bei ricordi dell’ultima volta. Quindi non vedo l'ora, soprattutto dopo che il 10° posto in Indonesia mi ha lasciato molto felice e motivato. Sono pronto a ricominciare da zero, a continuare a fare passi avanti e a cercare di migliorare e diventare più veloce”.

Articoli che potrebbero interessarti