Tu sei qui

Yamaha brevetta il servosterzo elettrico per le moto

La Casa di Iwata ha introdotto sulle moto che correranno nel campionato motocross giapponese un sistema di supporto elettrico alla sterzata, aprendo di fatto lo sviluppo anche per i suoi modelli stradali

Moto - News: Yamaha brevetta il servosterzo elettrico per le moto

Share


Il servosterzo: uno strumento che sulle auto ha letteralmente cambiato (in meglio) la guida di tutti i giorni. Sulle moto però fino a oggi non c'era stato motivo per sviluppare una soluzione analoga: sul manubrio infatti non si sente la necessita di alleggerire l'avantreno, anzi è importantissimo per una guida precisa avere la massima sensibilità. Eppure anche il servosterzo potrebbe trovare la sua applicazione sulle due ruote, come vuole dimostrare Yamaha, che ha introdotto un dispositivo EPS, ovvero un servosterzo elettrico multifunzione.

Dalle gare alla strada

Per ora il marchio giapponese ha deciso che testerà il suo dispositivo sulle YZ450FM e YZ250F del team ufficiale che compete nell'All Japan Motocross Championship. Il sistema deriva da quello che Yamaha già utilizza su ATV e motoslitte, sfrutta dei sensori di coppia che “leggono” la forza impressa sullo sterzo e sono in grado di registrare anche le sollecitazioni laterali. La centralina elettronica elabora i dati e aziona il motore elettrico, che soprattutto alle basse velocità, agisce sullo sterzo. Quando la velocità aumento però il sistema EPS svolge la stessa funzione di un ammortizzatore di sterzo, contrastando scuotimenti e restituendo una maggiore precisione di guida.

Le dimensioni aiutano

Yamaha non ha nascosto che questo esperimento nel campionato giapponese di motocross è un banco di prova e un'occasione per sviluppare ancora di più il suo EPS, capendo così tempi e modi per l'introduzione sui modelli stradali. Le dimensioni ridotte del dispositivo, che trova spazio facilmente tra gli steli delle forcelle, e quelle della centralina infatti non avranno difficoltà a essere inserite nella “pancia” delle naked e delle sportive di Iwata.

Articoli che potrebbero interessarti