Tu sei qui

SBK, Rinaldi: “Due Ducati in top-4? Stiamo lavorando nella giusta direzione”

“Abbiamo lavorato in ottica gara. Le sensazioni sono migliori rispetto a Misano, ma non siamo ancora al 100%. Il nuovo forcellone ha grossi margini di miglioramento”

SBK: Rinaldi: “Due Ducati in top-4? Stiamo lavorando nella giusta direzione”

Share


Con Alvaro Bautista a guardare tutti dall’alto verso il basso, la più che positiva prima giornata di test del World Superbike in casa Aruba.it Racing Ducati è stata completata da compagno di squadra Michael Ruben Rinaldi. Al Circuit de Catalunya alle porte di Barcellona, il riminese ha infatti concluso in quarta posizione con il crono di 1’41”360, confermandosi competitivo nell’arco dell’intero day 1.

“Giornata lunga, abbiamo provato varie cose soprattutto in ottica gara. Le sensazioni sono migliori rispetto a Misano, nel finale abbiamo fatto anche una buona simulazione di time attack con la gomma morbida. Stiamo continuando a sistemarci, se a Misano eravamo all’80%, qui siamo all’85%. Magari raggiungiamo il 90% nei prossimi test di Aragon e infine il 100% per la prima gara”, ha subito scherzato.

Oltre al passo gara, hai insistito ulteriormente sul nuovo forcellone?

“Ha grossi margini di miglioramento, però non lo stiamo ancora sfruttando al massimo del suo potenziale, almeno per quanto mi riguarda in quanto ho cominciato a provarlo solo in un secondo momento in confronto a Bautista”, ha ammesso.

Ci sono due Ducati ufficiali ai primi quattro posti, qual è il bilancio di questa giornata?

“Alvaro è andato indiscutibilmente molto bene, per questo motivo sarà interessante analizzare successivamente i nostri dati e compararli. Essere entrambi là davanti significa che stiamo lavorando nella giusta direzione.

Domani le previsioni meteorologiche non promettono nulla di buono…

“Spero che non piova perché dobbiamo completare il programma di lavoro. In caso contrario, penso che scenderemo lo stesso in pista per fare alcune verifiche sul bagnato, ma non gireremo tanto come sull’asciutto”, ha terminato.

Articoli che potrebbero interessarti