Tu sei qui

SBK, La Superbike si tuffa nel 2022: via libera allo Scenario 3 post Covid

Dorna ha comunicato le nuove linee guida: le derivate a un passo dal ritorno alla normalità con hospitality e paddock aperti agli ospiti, restano invece le mascherine, non obbligatorie per i piloti in griglia

SBK: La Superbike si tuffa nel 2022: via libera allo Scenario 3 post Covid

Share


La Superbike è pronta a tuffarsi nella stagione 2022, al via il prossimo 9-10 aprile sul tracciato di Aragon. Come accaduto lo scorso anno, sarà nuovamente il Motorland ad alzare il sipario, anche se questa volta con un mese e mezzo d’anticipo rispetto al 2021, quando la tappa d’apertura si disputò a fine maggio.

Sta di fatto che in questi giorni la Dorna è impegnata a sistemare gli ultimi dettagli in attesa che i motori tornino ad accendersi. Con il Mondiale 2022 l’Organizzatore punta a un ulteriore passo avanti sul fronte Pandemia, iniziata come ricordiamo due anni fa, poco dopo la gara di Phillip Island. A poche settimane dall’inizio si parla infatti di Scenario 3, ovvero un contesto che contempla maggiori aperture rispetto allo Scenario 1 di inizio COVID, dove l’accesso al paddock era consentito solo ed esclusivamente agli addetti ai lavori, mentre di hospitality non se ne vedeva nemmeno l’ombra.

Secondo quanto stabilito da Dorna, l’accesso al paddock è consentito a coloro che hanno completato il ciclo vaccinale oppure sono in possesso di un tampone negativo (antigenico entro le 48 ore, molecolare entro le 72 ore).

C’è poi il tema mascherina, il cui utilizzo rimane d’obbligo sia all’interno che all’esterno degli ambienti. Per i piloti, invece, non c’è l’obbligo di indossare la mascherina quando sono in griglia di partenza poco prima del via della gara.

Infine il discorso legato alle hospitality. Dalla scorsa stagione abbiamo visto le mega costruzioni tornare a dominare la scena nel paddock, anche se l’accesso era negato agli ospiti. Da quest’anno, invece, le hospitality e i vari team possono nuovamente accogliere ospiti e sponsor all’interno delle proprie strutture, previa registrazione della rispettiva presenza sull'applicazione PITWSBK. In merito a questo aspetto, ci ha parlato Manuel Puccetti: “Con lo Scenario 3 ci avviciniamo sempre più a un ritorno alla normalità di quello che era il periodo Pre Covid – ha dichiarato il patron della squadra tricolore, impegnata in SSP e SBK – aver di nuovo gli ospiti nel paddock è un aspetto determinante per tutti i team. La scorsa stagione abbiamo introdotto una nuova hospitality e quest’anno siamo entusiasti di accogliere nuovamente tutti coloro che ci sostengono. Sarà però una ripartenza dimezzata, ovvero al 50% - ha sottolineato Manuel – la nostra struttura può ospitare 120 persone, ma all’inizio non saranno più di 60. Questa scelta è dettata dal fatto che la ripartenza sarà graduale, senza voler accelerare i tempi”.

Ricordiamo per concludere che la capienza del pubblico in circuito spetta al Paese ospitante dell’evento. Al momento, in Italia, la capienza approvata è al 75%.        

Articoli che potrebbero interessarti