Tu sei qui

MotoGP, Vinales: “In ogni curva ho problemi, ma non è tempo di piangere”

Aleix Espargarò fa felice l'Aprilia: “Oggi avevo il fuoco che bruciava dentro, per la gara non vedo tanti piloti più veloci di noi, in rettilineo questa volta abbiamo velocità”

MotoGP: Vinales: “In ogni curva ho problemi, ma non è tempo di piangere”

Share


È un sabato dal doppio volto quello di Losail per l’Aprilia. Da una parte c’è infatti tutta la delusione di Maverick Vinales, che non è riuscito a entrare in Q2, dovendo consolarsi con il 19° crono davanti ad Andrea Dovizioso.

Lo spagnolo non si nasconde e analizza quella che è la situazione.

“Quest’oggi pensavo di essere davanti con i migliori – ha ammesso - la realtà è che in ogni curva avevo un problema e questo credo sia dovuto a come abbiamo sfruttato le gomme, dato che non abbiamo spinto nel modo giusto. Nelle FP4 però, con pneumatici usati, sono riuscito a trovarmi bene e vedremo cosa fare per domani”.

Maverick non ha la minima intenzione di gettare la spugna prima del tempo.

“Dobbiamo continuare a lavorare, senza arrenderci, considerando che non è certo il momento di mettersi a piangere. Nei test faticavo con l’anteriore e qua il problema si è amplificato, soprattutto con la gomma nuova. Bisogna soltanto continuare a lavorare”.

Ci sono però aspetti positivi da non sottovalutare.

“Il mio ritmo è senza dubbio migliore rispetto al giro secco e sono dell’idea che in gara posso fare di più. A dir la verità non mi aspettavo però di soffrire così tanto. Dobbiamo soltanto lavorare e provare tutte le soluzioni possibili, considerando che con l’Aprilia non ho grandissima esperienza alle spalle”.

Chi sorride è invece Aleix Espargarò, protagonista del quinto tempo in qualifica davanti al fratello Pol. Lo spagnolo aprirà domani la terza fila.     

“Sono davvero felice per questo sabato – ha commentato - oggi ho rischiato molto, arrivando al limite con la gomma soft. Sono però riuscito a rimanere nella top ten nelle libere, preparando al meglio la RS-GP in vista della gara di domani. Oggi le condizioni erano molto complicate, ma siamo comunque stati in grado di svolgere un ottimo lavoro con la squadra. Peccato aver mancato la pole, ma il risultato è ottimo”.

Non manca poi un accenno alle gomme.

“Con la media abbiamo avuto importanti riscontri per domani e penso che sarà quella la nostra scelta. Vedo molti altri con la soft, probabilmente è uno pneumatico più veloce, ma ho tanti dubbi in merito al consumo nei giri finali”.

In casa Aprilia il bicchiere è senza dubbio mezzo pieno e le sensazioni sono incoraggianti.  

“È incredibile il livello a cui siamo arrivati e sono felice. Poco prima delle qualifiche il mio corpo stava bruciando dentro, ero infatti molto nervoso. Siamo però stati in grado di ottenere un fantastico risultato, rimanendo con i migliori”.

L’attesa ora è per la gara.

“Al momento sono sereno e fiducioso, dato che è stato svolto un ottimo lavoro in vista delle gara, specialmente nella FP4. Di più non potevo fare, inoltre l’Aprilia in rettilineo è veloce. Mi aspetto una gara divertente, consapevole del fatto che non vedo molti piloti più veloci di noi. Anche lo scorso anno sono stato competitivo, ma non avevo il passo dei miei rivali, dato che ho sollecitato troppo il posteriore. Questa volta invece la situazione è diversa, anche se la prima gara è sempre particolare. La Honda, così come la Suzuki e la Ducati saranno forti, ma anche la Yamaha, nonostante in rettilineo fatichi. Nel 2021 è stato frustrante per me il rettilineo, adesso invece abbiamo potenza”.   

Articoli che potrebbero interessarti