Tu sei qui

SBK, Vierge: "A Portimao con la Honda CBR RR-R ho migliorato ad ogni uscita”

Conclusa la due giorni di test del Team HRC, Xavi: "Tanto lavoro ed ottime sensazioni nel long run". Lecuona: "Le prestazioni sono migliorate, anche le sensazioni. Sono felice"

SBK: Vierge: "A Portimao con la Honda CBR RR-R ho migliorato ad ogni uscita”

Share


Honda ha dimostrato di voler fare le cose in grande in questo 2022 ed in MotoGP ha stupito tutti presentando una RC213V completamente inedita che si è dimostata nei test nettamente superiore alla moto che l'ha preceduta. Adesso resta da capire se anche in SBK la CBR 1000 RR-R sia stata oggetto di una cura rivitalizzante tale da consentire ai rookie della categoria Lecuona e Vierge di affermarsi tra le derivate. 

Il team HRC ha concluso una due giorni di test a Portimao rigorosamente a porte chiuse, una scelta fatta per consentire a piloti e squadra di concentrarsi unicamente sulla pista e sul grande lavoro da fare. Per quanto sia una moto con già due stagioni di gare sulle spalle, la CBR resta un progetto giovane che necessita di essere esplorato al meglio prima di poter esprimere completamente il proprio potenziale e stando alle dichiarazioni dei due piloti al termine del test, la strada imboccata pare quella giusta. Prossima tappa per la squadra è Jerez, dove tra il 22 e 23 febbraio Lecuona e Vierge torneranno a girare per preparare al meglio la stagione. 

"Sono molto contento del mio feeling con la Honda su questa pista - ha detto Vierge - avendo provato solo a Jerez fino ad ora. All'inizio mi sentivo come se non avessi mai guidato su questa pista. Giro dopo giro, ho iniziato ad abituarmi alle sensazioni, ad acquisire fiducia e a capire meglio lo stile necessario e la velocità"

Per quanto debuttante della categoria, Vierge ha già iniziato a lavorare sulla definizione di un assetto che gli consenta di trovarsi completamente a proprio agio sulla moto. 
"Mi sono davvero divertito. Abbiamo iniziato a provare alcuni pezzi e assetti diversi, concentrandoci sull'elettronica e sulla geometria della moto. Una cosa molto positiva è che siamo stati in grado di migliorare ad ogni uscita che abbiamo fatto, senza problemi e senza ritardi. Le temperature di oggi erano un po' più fredde di quanto ci aspettassimo dopo il tempo perfetto di ieri, ma abbiamo completato un long run ed è stato davvero utile per me e per la squadra vedere come è andata e come mi sono sentito".

Il bilancio è insomma positivo per Xavi.
"In questi due giorni abbiamo completato una grande quantità di giri e raccolto tante informazioni che aiuteranno i tecnici a preparare il prossimo test. Dobbiamo continuare così perché stiamo lavorando bene e nella giusta direzione".

Altrettanta soddisfazione l'ha espressa Iker Lecuona, forse il pilota più atteso tra i due vista l'esperienza in MotoGP con KTM. Lo spagnolo sembra aver ben chiara la direzione da seguire nello sviluppo della CBR.

"Sono molto contento perché siamo migliorati molto in questi due giorni - ha affermato Iker -  sia per quanto riguarda il mio feeling con la moto che per le prestazioni generali della CBR. Giovedì abbiamo lavorato sulle gomme e abbiamo anche testato alcuni nuovi pezzi, facendo un buon passo avanti e girando in modo molto costante. Oggi il meteo era leggermente meno buono, faceva più freddo ed era ventoso, e l'asfalto era anche molto più freddo di ieri. Ma abbiamo fatto dei progressi comunque, e questa è una buona notizia".

La parola feeling è particolarmente ricorrente, perché senza questo nessun pilota è in grado di portare al limite una moto. 
"Sono anche felice che il mio feeling con la moto sia stato simile sia qui che a Jerez, due piste molto diverse. I punti forti e quelli che dobbiamo migliorare sono essenzialmente gli stessi in entrambi i circuiti, il che significa che la nostra direzione è chiara. Ora pensiamo a Jerez perché abbiamo bisogno di continuare a lavorare in questo modo".

Articoli che potrebbero interessarti