Tu sei qui

QUANTO MI COSTA – BMW R 18 B, i consumi del big boxer di 1800 cc

Abbiamo provato la bagger dell’Elica, il cui motore è il bicilindrico boxer di cubatura maggiore mai visto su una moto. Sembrerebbe superfluo parlare di consumi, invece ci ha stupiti

Moto - Test: QUANTO MI COSTA – BMW R 18 B, i consumi del big boxer di 1800 cc

Share


Si tratta di una moto “esagerata” da molti punti di vista: circa 400 kg, una straordinaria coppia di almeno 150 Nm sempre disponibile tra 2 e 4 giri, un sistema audio degno di un appassionato di HiFi, un TFT da 10.25” sotto a quattro classicissimi strumenti analogici di cui uno dedicato alla riserva di potenza (visto in passato sulle vetture Rolls Royce) e tante altre chicche e peculiarità che vi invitiamo ad andare a scoprire nella nostra prova completa (qui il link ad articolo e video).

Quello che però salta per primo all’occhio è il cuore della R18 (che con ben 4 modelli a listino è una famiglia per BMW): il big boxer di 1.802 cc, due cilindri da 901 cc cadauno, con distribuzione ad aste e bilancieri che è assolutamente unico nel panorama motociclistico attuale. Tanta esagerazione è però abbinata ad una elettronica modernissima e proprio per questo è nata la curiosità che ci ha portato a pensare questo “Quanto mi costa”, il più fuori logica che si possa forse ipotizzare, che però tutto sommato è stato utile per scoprire qualcosa di assolutamente inatteso. La R 18 B, con 398 kg di peso, un motore enorme ed una coppia che definire generosa è poco, riesce ad essere anche parco! A patto ovviamente di evitare il più possibile un utilizzo urbano e di sfruttarlo dove dà il meglio, non solo dal punto di vista del consumo. Andiamo a scoprire tutti i dettagli.

MODALITÀ DI CALCOLO

Dal punto di vista del rilevamento dei dati nulla di nuovo, esattamente come per gli scooter (che sono per ovvii motivi protagonisti di questa rubrica), abbiamo calcolato i litri da un pieno all’altro, azzerando i chilometri e calcolando quindi il dato medio del consumo. Confrontandolo con quanto rilevato dalla strumentazione della moto abbiamo constatato differenze abbastanza limitate, comprese da un +3 ad un -1%. Solitamente il dato “empirico” è stato meno positivo (segnando un consumo reale superiore di qualcosa rispetto a quello indicato), ma la differenza è davvero di poco conto. Andiamo quindi a vedere i dati, che invece sono stati, almeno a nostro avviso, degni di nota.

BIG BOXER DA RECORD, IN PARTE ANCHE PER I CONSUMI…MA NON COME CI SI ASPETTA

Inutile negarlo, è qualche mese che pensavamo ad un “Quanto mi costa” un po’ estremo (in parte inutile), anche per mostrare dei dati lontani da quelli rilevati con scooter che sono sempre più parchi. BMW ci ha invece stupiti, perché la R18 a fine prova ha fatto segnare un dato medio di 18,5 km/l inferiore perfino al dato dichiarato in ciclo WMTC, che è di circa 17,2 km/l (5.8 l/100 km).

Riportiamo di seguito il dettaglio completo dei consumi alle varie andature:

  • a 60 km/h abbiamo percorso 28 – 28,5 km/l;
  • a 70 km/h abbiamo percorso 28 – 28,5  km/l;
  • a 80 km/h abbiamo percorso 27 km/l;
  • a 90 km/h abbiamo percorso 25,6 km/l;
  • a 100 km/h abbiamo percorso 23,8 km/l;
  • a 110 km/h abbiamo percorso 21,3 km/l;
  • a 120 km/h abbiamo percorso 19,6 km/l;
  • a 130 km/h abbiamo percorso 17,2 km/l;

Da rilevare che a 60-70 km/h i consumi sono sostanzialmente identici, anche perché la rapportatura e l’erogazione del big boxer consentono di sfruttare la sesta proprio da qualcosa in più di 60 km/h. A queste andature abbiamo provato a rilevare il consumo sia in quinta che in sesta, con risultati sostanzialmente identici.  

L’unico contesto dove i consumi sono più vicini alle attese e meno da lode, è ovviamente quello urbano. Qui si pagano i quasi 400 kg da muovere (più quello del guidatore) e con una guida abbastanza attenta abbiamo rilevato valori compresi tra 13,1 e 14,3 km/l, che possono però peggiorare se si sfrutta la coppia a disposizione ed anche se si percorrono pochi chilometri alla volta, ripartendo quindi ogni volta con il motore freddo. Dopo qualche giorno di utilizzo solamente urbano abbiamo infatti rilevato valori anche di 10,5 km/l, ma ha senso utilizzare una R18 B come uno scooter?

LE NOSTRE CONCLUSIONI

Si tratta di una moto particolare, che come abbiamo avuto modo di ribadire nella nostra prova completa, è molto americana nel look (impossibile non pensare alle Harley -  Davidson Street Glide e Road Glide) con però una forte specificità. In primo luogo quel cuore bicilindrico boxer, unico al mondo. Abbiamo notato nei commenti del video della prova che in molti hanno sentenziato essere un difetto, proprio per le enormi teste che impediscono di distendere le gambe in avanti. In realtà noi abbiamo trovato comoda la posizione di guida (che scrive è alto 1 metro e 80), senza notare la necessità di allungare i piedi più in avanti. Al di là di questo, doto che parliamo di costi, oltre al dato sul consumo ricordiamo il listino di questa BMW R 18 B, che è di 27.200 euro, 900 in meno della sorella Transcontinental (che oltre al top case da 48 litri differisce in altri dettagli dalla “B), ma soprattutto circa 2 mila in meno delle rivali made in USA. C’è però da dire che l’esemplare provato era allestito con numerosi optional e pacchetti, con un prezzo di listino che sfiorava i 33 mila euro. Chi spende una cifra di questo tipo non baderà forse troppo ai consumi, ma se dovesse farlo, nel caso della R 18 non potrà che essere felice di quanto abbiamo rilevato nel nostro test.

LEGGI LA PROVA COMPLETA

 

Articoli che potrebbero interessarti