Tu sei qui

Honda Forza 350 | Perché Comprarla... E perché no

Lo scooter GT di Tokyo cresce di cilindrata e conferma l'evoluzione compiuta in oltre 20 anni di storia: aggiunge un pizzico di sportività senza rinunciare al comfort e soprattutto alla proverbiale parsimonia dei commuter di Honda

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


In una famiglia che aumenta il segreto per rimanere protagonisti è crescere. Proprio quello che ha fatto Honda Forza 350, che forte dell'arrivo del fratellone da tre quarti di litro ha deciso di evolvere nella cilindrata e non solo.

Pregi e difetti

La certificazione del successo, per questo modello, arriva dai numeri: oltre 100.000 esemplari del GT di Tokyo sono stati venduti dal 2000 ad oggi. Una cifra destinata ad aumentare con il debutto del 750, nuovo leader della gamma, ma che può contare anche sul rinnovamento dell'ormai ex Forza 300. Non cambia solo la cilindrata, ma viene evoluto il look: il profilo trova la Z Shape tanto cara al mondo Honda e che ne sottolinea le forme sportiveggianti, il muso si arricchisce di un nuovo spoiler sotto il gruppo ottico full-LED mentre il codone ora ha nuove maniglie in materiale ad alta resistenza più leggere di 1,4 kg. Se la forma è all'insegna della continuità, la sostanza porta novità di dettaglio ma importanti sul Forza 350: la ciclistica rimane praticamente invariata rispetto al 300, con la forcella telescopica da 33 mm rivista nel setting e il doppio ammortizzatore regolabile nel precarico, ma cambia il forcellone in alluminio, ridisegnato e più leggero che contribuisce a fermare il peso a 184  kg con il pieno. Altra novità, per la versione Deluxe, è sul ponte di comando: attraverso LCD incastonato nei due strumenti analogici infatti sull'allestimento più ricco del modello si può connettere il telefono allo scooter attraverso l'Honda Smartphone Voice Control System. La tecnologia SmartKey ormai è un must di Honda e dal rotore centrale si accede ad uno dei vani più capienti della categoria, che permette di riporre due caschi integrali più tutto il necessaire del commuter, e ha anche un pratico separè regolabile in due posizioni. Particolarmente capiente la tasca del retroscudo, dotata di presa USB-C.

L'incremento di cubatura e potenza cambia il carattere dello scooter e la spiegazione non può essere riassunta dai soli numeri, anche se fanno la loro parte, visto che  il monocilindrico 4 valvole raffreddato a liquido con distribuzione monoalbero cresce di ben 51 cc, arrivando a 330. Un cambio di taglia per il nuovo ESP+ che arriva grazie all'aumento delle misure di alesaggio e corsa, ora da 77x70,7 mm, ma anche del diametro del corpo farfallato da 34 a 36 mm e della crescita di 1 mm delle valvole di aspirazione. Sempre rimanendo ai numeri crescono potenza e coppia del 17%: il Forza 350 può contare infatti su 29, 3 CV a 7.500 giri e 31,9 Nm a quota 5.250. A rendere questa unità più moderna e performante però ci sono anche il nuovo albero motore, più rigido e leggero del 10% rispetto al precedente, il nuovo contralbero, il terminale a due camere distinte e il sistema di raffreddamento del pistone preso dalle racer di famiglia, ovvero Fireblade e CRF450RX.  

Con la sella a 780 mm da terra, un manubrio largo 755 mm e un altezza dall'asfalto di 135 mm il Forza 350 ha già i numeri giusti per la città, a cui aggiunge ben 4 cm di escursione del plexi elettronico. E per i commuter più freddolosi ci sono anche le manopole riscaldata su 5 livelli. Insomma, il Forza si dimostra un GT per tutte le stagioni, che all'occorrenza sa essere un perfetto cittadino: il peso contenuto aiuta, la trasmissione dolce anche, e la tecnologia, con il traction control disinseribile e l'ABS a due canali, ci mette il punto esclamativo! Il risultato è un mix di agilità e sicurezza che non chiede impegno ed è alla portata anche di chi si trova per la prima volta a guidare uno scooter con le dimensioni di un maxi. Il nuovo setting della forcella e l'inedito forcellone in alluminio, insieme al boost di cilindrata del motore di cui parleremo tra poco, aumentano la vivacità del Forza 350 senza peccare in stabilità e handling. Doti che il Forza 350 mostra volentieri quando si lascia il traffico alle spalle: qui esce l'anima più sportiva dello scooter di media cilindrata di Tokyo, che è bene ricordarlo, esce dalle linee di produzione di Atessa.

I miglioramenti al motore si sentono e lo rendono più brioso, pronto ma mai brusco, mentre il lavoro della ciclistica si conferma ottimo: la forcella sostiene quando serve, gli ammortizzatori posteriori non danno mai l'idea di accusare il colpo e così si macina asfalto a cuor leggero. Il merito di tanta fluidità e confidenza va anche alle Pirelli Diablo Scooter che calzano le ruote da 15 e 14" del Forza 350, senza dimenticare elementi come Traction Control e ABS mai invasivi. All'insegna della modulabilità l'impianto frenante, che offre una risposta impeccabile e intuitiva al posteriore mentre chiede un po' di energia dopo i primi gradi di pressione la leva anteriore. L'acquistata sportività non stona accanto alla proverbiale parsimonia del Forza, che nella sua nuova cubatura mantiene comunque consumi vicino ai 30 km al litro. Insomma, Il Forza 350 conferma i tanti pregi che si porta dietro da oltre un ventennio e gli unici limiti rilevati sono il già citato spazio scarso spazio sulle pedane e, per i più minuti, una posizione del manubrio che insieme alla sella larga potrebbe creare qualche grattacapo nelle manovre da fermo. 

Quanto costa?

Il prezzo parte da 6.095 euro per l'Honda Forza 350, che diventano 6.795 se si sceglie la versione Deluxe con connettività e Smart Top Box da 45 litri. 5 i colori disponibili: blu, bianco rosso, grigio perla e grigio scuro.

Articoli che potrebbero interessarti