Tu sei qui

Monopattini truccati: è boom a La Spezia

Sono 52 i monopattini illegali riscontrati durante i controlli della Polizia Locale di La Spezia nel 2021

Moto - Scooter: Monopattini truccati: è boom a La Spezia

Share


Non si fa altro che parlare di monopattini. Del resto, hanno letterlamente invaso le nostre strade. Un fenomeno che ha costretto il nostro Governo a mettere più volte mano al Codice della Strada, visito le "potenzialità" dei sinistri. Misure atte a tutelare gli utenti dei monopattini stessi, così come gli automobilisti e persino i pedoni, che si vedevano sfrecciare questi oggetti nelle aree pedonali. Pensiamo poi anche al fatto che, soprattutto inizialmente, i monopattini non erano regolati da nessuna legge, ad iniziare dalla potenza e dalla velocità massima. Come sempre, gli italiani, non ce la fanno a non infrangere la legge. Stabiliti i limiti, siamo sempre pronti a "farci riconoscere". L'utimo dato interessante, riguarda un vero e proprio boom di monopattini "truccati". Pensate che solo la Polizia Locale di La Spezia, ha sequestrato nel 2021 ben 52 monopattini manomessi, contro i precedenti 3 del 2020. Dati piuttosto allarmanti.

Multe raddoppiate

Il report annuale, interessa il solo comando di Viale Amendola, ed è stato esposto poche ore fa dal sindaco Pierluigi Peracchini, dall'assessore Filippo Ivani e dal comandante del Corpo Francesco Bertoneri. Tutti questi controlli, sono stati effettuati giustamente perché si è registrata una vera e propria invasione di monopattini nella città ligure, a tal punto da vedere le Forze dell'Ordine impegnate in maggiori controlli e relative sanzioni. Sono state addirittura raddoppiate le multe per violazione delle norme di comportamento da parte dei conducenti, che per il 2021 toccano quota 108. I sequestri, sono invece scattati nel caso in cui alterazioni e modifiche alle caratteristiche costruttive e funzionali dei monopattini li abbiano resi dei veri e propri ciclomotori non immatricolati. Modifiche che consentivano ai mezzi di raggiungere velocità superiori a quelle imposte dal C.d.S., ovvero il limite di 20 km/h.

Naturalmente i controlli sono più che corretti, visto che se esiste una legge va rispettata. Sono mezzi che circolano per strada, e come tali, vanno disciplinati, anche perché parliamo sempre di prodotti che non prevedono una assicurazione RC, quindi in caso di sinistro, le cose non possono che complicarsi. Sarebbe curioso conoscere i dati anche delle altre città, per effettuare un confronto.

Articoli che potrebbero interessarti