Tu sei qui

Harley-Davidson 883: il mito sopravvive, ma lontano dall'Europa

La cruiser che da oltre 60 anni rappresenta il marchio americano in tutto il mondo non è morta. Ma il model year 2022 non è destinato all'Europa

Moto - News: Harley-Davidson 883: il mito sopravvive, ma lontano dall'Europa

Share


Non c'erano dubbi sul fatto che la corsa della Harley-Davidson 883 fosse arrivata al traguardo nel Vecchio Continente: la normativa antinquinamento Euro 5 infatti non rende possibile al V-Twin raffreddato ad aria da 883 cc della prima Sportster continuare a far bella mostra nelle vetrine dei concessionari europei, mentre in patria la 883 è salva grazie a restrizioni più blande sulle emissioni.

Il mito non si aggiorna

La Iron 883 che sarà venduta negli USA non ha nulla di diverso da quella che fino a poco fa era disponibile anche da noi: il motore eroga 54 CV e una coppia di 73 Nm a 3.750 giri, il cambio rimane a 5 marce così come viene confermata la ciclistica con la forcella da 39 mm e il doppio ammortizzatore. I colori rimangono tre: Black Denim, Gunship Grey e White Sand Pearl e il prezzo di partenza negli USA è 10.749 dollari, poco meno dell'ultimo listino italiano, ma Oltreoceano la dotazione di serie non prevede neanche l'ABS. Sicuramente cambia l'idea che la 883 ha generato nei suoi clienti: in America infatti questo modello è definito ormai una "girls bike", mentre da noi è orgogliosamente posseduta da motociclisti con più o meno esperienza, ed è stata storicamente la porta d'accesso al mondo delle custom di Milwaukee.

Non sparisce solo la 883

Tra i modelli che non sono più disponibili in Italia non c'è solo la Iron 883 ma anche la Street Rod da 750 cc, la vera entry-level del brand per i mercati europei. Al momento infatti la gamma della Motor Co. americana ha una certa propensione verso l'alto, con la porta d'accesso rappresentata da Sportster S e Pan-America 1250, entrambe spinte dal nuovo V-Twin Revolution Max da 1,25 litri di cilindrata e capace di arrivare rispettivamente a 120 e 152 CV. E dai rumors sembra che la crescita di cubatura non accenni a fermarsi, con la nuova Low Rider S pronta ad accogliere il Milwaukee Eight 117, da ben 1.923 cc. Un altro segno della rivoluzione firmata Harley-Davidson? O, come più voci da tempo indicano, una parentesi temporanea prima dell'arrivo di una gamma di media cilindrata da produrre in accordo con QJ Motor?

Articoli che potrebbero interessarti