Tu sei qui

SBK, Bassani: "Girare con Marquez a Portimao è stata una figata"

Ci siamo fatti raccontare da Axel l'incrocio in pista con il campione spagnolo: "Abbiamo fatto qualche giro assieme, non posso giudicare le sue condizioni ma era tranquillo e felice di essere in moto. Come me!"

SBK: Bassani: "Girare con Marquez a Portimao è stata una figata"

Share


Axel Bassani ha iniziato il 2022 in un modo che di certo gli era difficile immaginare. Il pilota del Team Motocorsa in SBK e grande rivelazione del mondiale 2021 ha infatti rotto il ghiaccio con la pista scegliendo di fare una tre giorni a Portimao in sella ad una Ducati Panigale V4 in versione Stock, per riprendere confidenza con i cordoli dopo lo stop invernale ma in pista si è ritrovato ad incrociare le proprie traiettorie con Marc e Alex Marquez.

Una cosa che non capita di certo tutti i giorni, con Axel che ha voluto postare le immagini che lo ritraggono in pista con Marc mentre affrontano il toboga portoghese, incassando anche il commento divertito dello stesso Marquez sul proprio profilo Instagram. Abbiamo pensato di farci raccontare questa esperienza direttamente da Bassani, rientrato oggi a casa dopo questa prima uscita in pista. 

"Ero a Portimao per allenarmi da solo, per fare un inizio di stagione in pista - ci ha raccontato Axel -  per togliermi la ruggine dell’inverno, ero con una moto stock come da regolamento. Una tre giorni di allenamento su una pista che secondo me richiede molta esperienza, perché è difficile interpretarla al meglio. Dovrei poi tornare a febbraio per i test con la moto SBK, ma ancora non ho la conferma ufficiale al 100%".

Siamo curiosi di sapere di più riguardo il tuo incontro con Marc Marquez in pista. Come è andata?
"E’ stata una bella esperienza, perché non capita tutti i giorni di girare con piloti così. E' stato divertente e bello, perché vedere che linee fanno loro, Marc e Alex, è stato bello. Ci siamo beccati in pista un paio di volte, ci siamo anche guardati a vicenda ma niente di più. Io poi ho continuato con il mio lavoro, i miei run ed anche lui con i suoi. Però qualche giro assieme l’abbiamo fatto. E’ stata una figata, non capita sempre una cosa del genere!".

Come ti è sembrato Marc in sella, che idea ti sei fatto?
"Non posso dire se è il Marquez di sempre, anche perché alla fine io l’ho sempre visto da fuori dalla pista, come tutti. Poi era anche la sua prima uscita dopo l’inverno, come per me e suo fratello. Eravamo tutti tranquilli e felici di risalire in moto. Per quel poco che l’ho potuto vedere, l’ho visto tranquillo. Non posso di certo valutare la sua condizione, sparerei solo cavolate. Sembra che sarà a Sepang, e questo mi sembra già ottimo per lui. Era contento di risalire in moto, lo ero io dopo un mese e mezzo non oso immaginare come potesse sentirsi lui con tutto quello che ha passato. E’ stato un gran divertimento per tutti".

Invece per te cosa c'è in arrivo? Arriveranno gli aggiornamenti che ti meriti sulla Panigale V4 che userai nel mondiale?
"Sulla mia moto non so quali aggiornamenti avrò nel 2022, ci sta lavorando Mauri di Motocorsa. Noi nel box stiamo lavorando su quello che serve a me sulla moto per trovarmi completamente a mio agio, poi vedremo ai primi test cosa avremo e soprattutto vedremo se funziona quello che stiamo provando sulla moto. Penso che conoscerci da un anno possa aiutarci molto, non partiamo da un foglio bianco ma su una base che conosciamo bene. Sono fiducioso, la squadra è carica e speriamo di fare bene".

Articoli che potrebbero interessarti