Tu sei qui

Il ritorno delle 400cc a quattro cilindri passa dalla Cina… E non solo

Simbolo di un’epoca che non esiste più, le quattro cilindri da neanche mezzo litro di cilindrata potrebbero tornare grazie a Colove e Kawasaki

Moto - News: Il ritorno delle 400cc a quattro cilindri passa dalla Cina… E non solo

Share


“La storia è ciclica” teorizzò Niccolò Machiavelli, e se avesse vissuto le ultime decadi del motociclismo probabilmente ora direbbe lo stesso. Sì, perché anche i fenomeni che hanno guidato intere stagioni della storia delle due ruote per poi scomparire sembrano avere la forza per tornare in auge: basta guardare quello che sta succedendo con le 250 cc in Asia. E sempre da quelle parti arriva un secondo, graditissimo per molti, revival: quello delle 400 cc quattro cilindri.

Arriva dalla Cina…

Al momento le uniche 400 cc con motore quattro cilindri sono le Honda CB400SF, non proprio eredi dirette delle vecchie CBR400 RR, FZR 400, GSX-R 400 e ZXR 400. Chi invece sta pensando  di riportare in auge questo frazionamento in maniera adrenalinica è Colove, un marchio cinese che si è fatto già strada nelle cronache occidentali per la sua Rally 450 e per altri modelli bicilindrici. Il motore pensato dalla Casa della Grande Muraglia è appunto un quattro cilindri da 400 cc con distribuzione bialbero 16 valvole comandata da catena centrale. Ha cilindri inglobati nella fusione superiore del basamento e cambio ad alberi sovrapposti per ridurne al massimo le dimensioni. Insomma, non è quella che potremmo bollare come un’operazione “cheap”, ma anzi un’unità moderna che riporta in vita un abbinamento del passato.

Ma non solo…

Sempre parlando di novità a quattro cilindri e 400 cc non possiamo non parlare delle indiscrezioni che riguardano la Kawasaki ZX-4R. Dopo il successo mediatico e non solo ottenuto con la ZX-25R, piccola duemezzo dalle grandi prestazioni destinata ai mercati asiatici, sembra infatti che la Casa di Akashi ci stia prendendo gusto e prepari per il 2023 una sorella maggiore della duemezzo. La Kawasaki ZX-4R sarà l’erede della ZXR 400 del 1989, capace di 59 CV. Se però la nuova ZX-25R riesce a scaricare 51 CV la sorellona da 400 cc dovrebbe attestarsi su una potenza vicina ai 70 CV. Lo abbiamo detto, “La storia è ciclica” e speriamo di esserne testimoni.

Articoli che potrebbero interessarti