Tu sei qui

SBK, Rea chiude in bellezza i test di Jerez, 6° Redding

Tra Johnny e Scott c'è un secondo e mezzo di differenza, mentre Baz è il migliore in casa BMW col terzo tempo, quinto Vierge con la Honda

SBK: Rea chiude in bellezza i test di Jerez, 6° Redding

Share


Arrivederci al 2022, proprio così! Alle ore 18 è infatti calato il sipario sulla tre giorni di test a Jerez, che ha visto impegnate Honda, BMW e Kawasaki. All’appello mancavano Ducati e Yamaha, ma ci hanno pensato le atre tre Case ad accendere i riflettori sull’appuntamento andaluso.

Per l’occasione Johnny Rea si è rivelato il più veloce di tutti, chiudendo in bellezza grazie al crono di 1’38”831. Al termine dei 60 giri, il Cannibale è stato l’unico in grado di scendere sotto l’1’39”, rifilando ben un secondo al primo degli inseguitori. Stiamo parlando del suo compagno di squadra, ovvero Alex Lowes, protagonista di sette tornate in meno rispetto al nordirlandese.

In casa Kawasaki non sono mancate le novità, in particolare legate a telaio ed elettronica con l’intento di compiere un passo avanti in termini di prestazione. Le due ZX-10RR guardano quindi tutti dall’alto, seguite da Loris Baz, il migliore con la BMW nonostante un secondo e  tre decimi da colmare dalla vetta. Alle sue spalle spicca poi Michael van der Mark, che al pomeriggio non ha girato, mentre Scott Redding ha chiuso col sesto crono il venerdì, rimediando quasi un secondo e mezzo da Rea.

La priorità del numero 45 non era quella di andare alla ricerca del tempo sul giro, ma provare nel dettaglio il nuovo materiale portato in pista dalla Casa di Monaco. A precederlo in quinta posizione di 63 millesimi c’è Xavi Vierge, autore di ben 74 giri in sella alla Honda. Ricordiamo che lo spagnolo è stato l’unico di casa HRC in pista, dal momento che Lecuona si è fermato ai box a seguito della frattura al mignolo patita ieri mattina.

Chiude il gruppo con il settimo tempo Eugene Laverty, colui che ha girato più di tutti al venerdì, realizzando 79 tornate.

Adesso è finalmente tempo di vacanze in attesa di tornare in pista a gennaio.

 

Articoli che potrebbero interessarti