Tu sei qui

Verso la prova: Triumph Tiger Sport 660, la sport tourer del paradosso

Entry-level ma dalla dotazione premium, facile ma con un motore derivato da quello della Moto2: la Triumph Tiger Sport 660 condensa le caratteristiche di Hinckley a portata di neofita e punta alla vetta del segmento. La guideremo tra pochi giorni per capire se ha le carte in regola per arrivarci

Moto - Test: Verso la prova: Triumph Tiger Sport 660, la sport tourer del paradosso

Share


Quando si parla di entry-level, ovvero di moto per i più giovani o meno esperti, ognuno ha la sua ricetta. Quella di Triumph prevede pochi ma collaudatissimi ingredienti: 3 cilindri, tanta attenzione ai dettagli e un feeling da riferimento. Mescolate il tutto e otterrete la nuova Tiger Sport 660, la sport-tourer inglese che guideremo tra pochi giorni sulle coste portoghesi.

LEGGI LA PROVA E GUARDA IL VIDEO DELLA TRIUMPH TIGER SPORT 660

La Tiger diversa

 

Se nei contenuti la Tiger Sport 660 sfrutta il percorso intrapreso dalla Trident senza però ricalcarlo come vedremo tra poco, nelle forme la storia cambia: non è la solita Tiger e si capisce al primo sguardo, il suo naturalmente. Più accigliato e Full-LED, incastonato in una carenatura cattiva e sportiva e impreziosita dettagli di pregio, come il disegno dei maniglioni integrati alla coda, dei fianchetti che proteggono il radiatore o anche degli specchi retrovisori. Qui a differenza della crossover canonica 850 Sport, si può parlare di sport-touring. Più compatta e affusolata delle sorellone Adventure, porta sempre la firma del designer italiano Rodolfo Frascoli, che è riuscito ad ottenere uno stile distintivo su una entry-level che non lo sembra affatto per cura dei dettagli e pulizia delle linee, senza lesinare sulla funzionalità. Serbatoio da 17 litri e parabrezza regolabile anche in movimento infatti le danno il diploma di viaggiatrice vera, tutto però rimanendo accessibile a tutti. La sella è a 835 mm da terra, i fianchi sono stretti e quindi aumentano il controllo, la triangolazione favorisce una posizione di guida eretta e comoda e lo spazio dedicato al passeggero è da riferimento per una moto di questa cilindrata... e il segreto e nelle quote ciclistiche. 

Non una Trident "rivestita"

La Tiger Sport 660 è infatti più lunga della Trident di 2 cm e adotta un forcellone più lungo della sorella naked. Il telaio è sempre il tubolare in acciaio ma cambia il telaietto, disegnato appositamente per la più piccola delle tourer inglesi. La firma per il reparto sospensioni è sempre di Showa, con la forcella a steli rovesciati da 41 mm e il mono posteriore regolabile nel precarico, ma cambia l'escursione di entrambi gli elementi, da 150 mm. Sulla coppia di cerchi in lega a 5 razze da 17" calzati da Michelin Road 5 agisce invece una triade di dischi in cui spiccano i due elementi da 310mm all'anteriore morsi da pinze Nissin a doppio pistoncino con leva al manubrio regolabile. 

81 CV per tutti

Ma arriviamo alla ciccia, ovvero il motore: porta la firma di Hinckley grazie ai suoi 3 cilindri in linea, deriva dal Triple dei record della Moto2 e ha numeri di tutto rispetto per una entry-level.  660 cc, 12 valvole con distribuzione a doppio albero a camme in testa e naturalmente omologato Euro 5, il tre cilindri raffreddato a liquido può contare su 81 CV a 10.250 giri e su un picco di coppia di 64 Nm che arrivano a quota 6.250. L'acceleratore elettronico Ride By Wire permette di scegliere tra due mappe motore dal display TFT incastonato sul ponte di comando, che lavorano in simbiosi con il cambio a 6 marce azionato dalla frizione multidisco in bagno d'olio assistita e anti-saltellamento. La voce inconfondibile del Triple esce da uno scarico 3 in 1 con terminale basso, mentre la sicurezza è garantita dalla presenza di ABS e del controllo di trazione, escludibile e che cambia l'intensità d'intervento a seconda del riding mode selezionato. Gli intervalli di manutenzione sono previsti ogni 16.000 km e naturalmente la moto può essere depotenziata anche per patentati A2. 

Il prezzo

Triumph Tiger Sport 660 sarà disponibile da febbraio 2022 in tre colori: blu, nero a rosso. Il prezzo è di 8.995 euro e come da tradizione Triumph non mancano gli accessori: oltre 40 tra cui spicca sicuramente il top case da 52 litri e le borse laterali in tinta. 

Articoli che potrebbero interessarti