Tu sei qui

QUANTO MI COSTA – Honda SH 350 2021

Quanto consuma il best seller dei ruota alta da 330 cc? Lo abbiamo messo alla prova, scoprendo valori buoni, ma non da primo della classe come quelli raggiunti in termini di vendite

Moto - Test: QUANTO MI COSTA – Honda SH 350 2021

Share


Si tratta di un best seller assoluto, secondo nelle classifiche (nel 2021, ma la regola è sostanzialmente la stessa da anni) al fratello 125. Frutto di un ampliamento della famiglia SH (nata nell’ormai lontano 1984 come 50ino, per poi diventare 125 e 150 con la terza generazione nel 2001), il 300 dal 2007 allo scorso anno si era evoluto senza cambiamenti radicali. Con il passaggio all’attuale propulsore euro 5 da 330 cc (abbandonando lo “storico” 279 cc), è stato invece rivisto completamente anche dal punto di vista estetico, con soluzioni allineate al family feeling adottato in precedenza dai fratelli minori. Il faro si abbassa dalla zona del manubrio allo scudo, ma è solo uno dei principali elementi del nuovo corso, che potete ritrovare nel nostro test della scorsa primavera (qui articolo e video).  

Come di consueto per la rubrica “QUANTO MI COSTA”, ci siamo concentrati però sui consumi del rinnovato top di gamma SH, omologato euro 5 e scresciuto in cilindrata e prestazioni (è il più potente di sempre con i suoi 29,4 cv - superiori ad esempio al dato del Burgman 400). Senza approfondire troppo il tema, durante il nostro test consumi abbiamo potuto constatare che, oltre a confermare tutti i suoi pregi (soprattutto in termini di versatilità, ma anche per qualità e caratteristiche che confermano che siamo davanti al leader di segmento), il nuovo SH 350 è sì cresciuto in prestazioni, ma l’erogazione è stata studiata per dare il meglio in un utilizzo urbano e sul misto stretto, mentre in allungo non stupisce e lascia anzi quasi delusi, dato che oltre a 139-140 km/h indicati sulla strumentazione la velocità non sale. L’accelerazione già prima si appiattisce, lasciando intendere che non si sia voluto puntare sulle prestazioni “autostradali”. Questo è forse l’unico difetto, a volerlo trovare, perché per il resto il progetto è frutto di affinamenti e migliorie dopo 15 anni di esperienza che hanno portato il nuovo SH 350 ad essere maturo e sicuramente un punto di riferimento.   

MODALITÀ DI CALCOLO

Come di consueto, quando la strumentazione del mezzo in prova ci viene in aiuto, i dati che andremo ad indicare sono in buona parte frutto proprio dell’elettronica dello scooter. Il tutto però viene verificato in modo empirico, controllando tra un pieno e l’altro le discrepanze tra quanta benzina abbiamo effettivamente introdotto nel serbatoio e quanta ne avremmo consumata in base ai valori indicati. Per quanto riguarda il nuovo Honda SH 350 non abbiamo rilevato scostamenti, se non minimali, con un consumo medio totale che resta fermo a 25,1 km/l sia per la strumentazione che per il conto del benzinaio.

L’EURO 5 HA PORTATO A MAGGIORI CILINDRATA E POTENZA, MA ANCHE CONSUMI

Rispetto ad un dato dichiarato di 30 km/l, quello appena citato come dato del consumo medio che abbiamo rilevato a fine prova (25,1 km/l) è un valore ottimo, di tutti il migliore, visto che nelle prove consumo fino ad ora effettuate è secondo solo all’XMAX 300, che ha fatto registrare dati quasi sbalorditivi. Va detto però che lo abbiamo ottenuto con una cospicua percentuale dei chilometri percorsi a velocità costante in contesto extraurbano. Se invece ci spostiamo in utilizzo urbano, oppure ad andature autostradali elevate, il gioco cambia e l’SH 350 mette in luce consumi più elevati del “vecchio” 300 euro 4 (qui la nostra prova del 2016).

Non è una novità, perché a parte le eccezioni, le norme attuali hanno fatto salire la “sete” dei propulsori, lo abbiamo potuto rilevare già in altri test dove avevamo i riferimenti delle versioni euro 4. Entrando nello specifico, il valore rilevato in utilizzo urbano si è attestato da un minimo di 20 km/l ad un massimo di 22, in base allo stile di guida, mentre ai classici 130 km/h in autostrada, l’SH 350 percorre solo 18,5 km con un litro di benzina, peggio di molte moto di cilindrata nettamente superiore, che va detto però, nascono con una rapportatura lunga e che su questo specifico dato vengono spesso giudicate e valutate rispetto alle concorrenti dirette.

Riportiamo di seguito il dettaglio completo dei consumi alle varie andature:

  • a 60 km/h abbiamo percorso 36 km/l;
  • a 70 km/h abbiamo percorso 33,7 km/l;
  • a 80 km/h abbiamo percorso 32 km/l;
  • a 90 km/h abbiamo percorso 30 km/l;
  • a 100 km/h abbiamo percorso 27 km/l;
  • a 110 km/h abbiamo percorso 24 km/l;
  • a 120 km/h abbiamo percorso 22 km/l;
  • a 130 km/h abbiamo percorso 18,5 km/l;
  • a velocità massima (circa 140 km/h indicati) abbiamo percorso 13,7 km/l.

LE NOSTRE CONCLUSIONI

Se per tutte le sue caratteristiche il nuovo Honda SH 350i conferma le aspettative (oltretutto alte, proprio alla luce di essere un best seller assoluto), quanto ai consumi non merita la lode, pur restando comunque in un range che non potremmo definire elevato. In questo ci aspettavamo qualcosa di più, sia nel confronto con il precedente 300 “Euro 4”, ma anche con la prima generazione del 2007, che alla luce di una sportività in allungo mai più sfoggiata dall’SH 300 e 350, faceva registrare all’epoca valori quasi incredibili, che non sono troppo lontani da quelli del modello di quasi 15 anni dopo.  

Chiudiamo con una nota sul prezzo dell’SH 350i, che è di 5.690 euro, che salgono a 5.790 per la nuova versione Sporty, introdotta per il MY 2022.

ABBIAMO UTILIZZATO UN CASCO NOLAN N21 VISOR JETFIRE 70 FLAT BLACK

 

 

 

 

Articoli che potrebbero interessarti