Tu sei qui

EICMA 2021, LIVE: Triumph Tiger Sport 660 2022, la crossover per tutti

Disponibile da febbraio 2022 al prezzo franco concessionario di 8.995 euro, vanta 81 CV ed un dashboard con TFT a colori

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Sulla nuova Triumph Tiger Sport 660, ne abbiamo viste di ogni, e bisogna dirlo, è veramente una delle moto più attese per il 2022! Proprio come per la Trident 660 (leggi qui il nostro test), la nuova crossover inglese offre un nuovo punto di vista per un segmento di mercato decisamente consolidato, quello delle crossover stradali. In Triumph la propongono per coloro che cercano: massima versatilità, elevato
piacere di guida e costi competitivi. Finalmente eccola, ci siamo, ed ora vediamo come è fatta.

Triumph Tiger Sport 660: la moto per tutti

La nuova Triumph Tiger Sport 660 nasce con l'idea di accontentare i giovani come i motociclisti di ritorno con un prodotto che fa del suo motore a tre cilindri il cavallo di battaglia. E' l'entry level, ma come vedremo vanta tanti particolari da segmento premium, quale la Casa di Hinckley è. Il motore a tre cilindri da 660 cc è l'unico del suo segmento, ed offre un picco di coppia di 64 Nm a 6.250 giri ed una potenza massima di 81 CV a 10.250 giri/min.. Abbiamo naturalmente l’acceleratore ride-by-wire che interpreta infatti in modo raffinato e fedele le sollecitazioni del pilota, e lavora in simbiosi con il cambio a sei marce. La voce inconfondibile del tre cilindri Triumph viene sprigionata dal compatto sistema di scarico basso, con un corto terminale in acciaio inossidabile. La moto è ovviamente Euro 5 e può essere dotata del kit di
depotenziamento per la patente A2.

La ciclistica della Tiger Sport 660

Passiamo ora alla ciclistica, iniziando con il dire che la sella è doppia ed offre un piano di seduta per il pilota a soli 835 mm da terra. Vediamo le sospensioni: all’anteriore troviamo una unità USD da 41 mm griffata Showa, con 150 mm di escursione. Al posteriore lavora un monoammortizzatore monoshock sempre Showa, regolabile nel precarico. I cerchi sono da 17” pollici, a cinque razze e in alluminio, ed ospitano le Michelin Road 5 (primo equipaggiamento). A "frenare" la moto, due dischi da 310 mm by Nissin, a doppio pistoncino, con leva al manubrio regolabile. Infine, il telaio è un tubolare perimetrale in acciao. Il peso in ordine di marcia è di 206 Kg mentre il serbatoio è da 17,2 litri.

Il design è filante ed aerodinamico, con il parabrezza regolabile in altezza con una sola mano anche in movimento. Non mancano i supporti per le valigie laterali rigide. Per incrementare la capacità di carico, è disponibile anche un capiente bauletto da ben 52 litri che consente di stivare due caschi integrali. Borse laterali e topcase (optional) sono disponibili in body colour. Tanti i particolari attentamente studiati, come gli specchietti retrovisori, i fianchetti posti a protezione del radiatore o le protezioni per gli steli forcella. La scelta delle colorazioni prevede tre schemi cromatici: l’elegante Lucerne Blue e Sapphire Black, la brillante Korosi Red e Graphite con grafiche sportive, o la più discreta Graphite e Black.

TFT e non solo

C'è poi altro per la nuova Tiger Sport 660, poiché è dotata di un pacchetto elettronico leader di categoria, a cui si accede tramite il dashboard multi-funzione con schermo a colori TFT. Il design è elegante, compatto e minimale, ed il software installato è pronto a connettersi con il My Triumph connectivity system, che rende possibile la navigazione a frecce, il controllo dell’action cam GoPro, l’ascolto della musica e l’utilizzo dello smartphone per effettuare o ricevere chiamate. Il tutto coadiuvato dai comandi al manubrio in modo del tutto intuitivo e sicuro.

Non mancano due riding modes: Road e Rain. Questi modificano l'attivazione del controllo di trazione e la risposta del comando del gas. Volendo, il controllo di trazione può essere disattivato. Interessante, la frizione antisaltellamento. Per massima efficienza e durata nel tempo, l’illuminazione è completamente a LED e include pratici indicatori di direzione con funzione di disattivazione automatica.

Chiudiamo con disponibilità e prezzo. Disponibile da febbraio 2022 al prezzo franco concessionario di 8.995 euro. Gli intervalli di manutenzione programmata sono previsti ogni 16,000 km (o 12 mesi), e oltre alla garanzia di 2 anni prevista ex-fabrica, è disponibile l’estensione di garanzia Triumph Just Ride per ulteriori 12 o 24 mesi. Non mancano ben 40 accesori disponibili dal catalogo Triumph.

Articoli che potrebbero interessarti