Tu sei qui

Eicma 2021 - Italjet Dragster 125/200 2022: ritorna lo scooter più estremo

Avviata la produzione del nuovo “Urban SuperBike”, l'Italjet Dragster 125/200cc. Alla fine del 2022 arriverà poi il Dragster#e01 zero emissioni, con motore elettrico da 12 kW di potenza massima

Moto - Scooter: Eicma 2021 - Italjet Dragster 125/200 2022: ritorna lo scooter più estremo

Share


Torna a far parlare di sé Italjet, che annuncia l’arrivo del nuovo Dragster 125/200 entro la fine dell’anno. Ad EICMA, la storica Casa motociclistica bolognese conferma che la produzione del nuovo Dragster, successore dell’iconico modello che ha fatto la storia dello scooter sportivo negli anni ’90 in Italia e nel resto del mondo, è partita da oltre un mese e le prime consegne sono previste dal mese di dicembre 2021. Una notizia accolta con entusiasmo in Italia e da molti altri paesi nel mondo, dove il nuovo scooter è già diventato un must prima ancora di essere disponibile sul mercato.

Italjet Dragster, l'“Urban SuperBike”

Il nuovo Dragster denominato “Urban SuperBike” è infatti un mezzo fuori dagli schemi, dal design ipersportivo e dai contenuti tecnologici esclusivi. L’Urban SuperBike adotta un telaio a traliccio in tubi di acciaio integrato da piastre di alluminio pressofuso e dal Sistema Indipendente di Sterzo brevettato (I.S.S.), dotato di un nuovo monobraccio in alluminio forgiato. E' equipaggiato di motori monocilindrici a 4 tempi raffreddati a liquido di 125 e 200cc bialbero DOHC, quattro valvole, alimentati da iniezione elettronica Magneti Marelli, che forniscono quasi 10 kW (13 CV) nella cilindrata di 125cc e 13 kW (18 CV) in quella da 200cc. I motori sono omologati Euro5.

Power Parts

Per il Racing e per aggiungere ulteriore carattere al nuovo Ddragster, nasce la linea di Power Parts per aumentare potenza e prestazioni. Per farlo, Italjet si è affidata ai migliori specialisti di caratura mondiale come Akrapovič, Malossi, Brembo e Ohlins. Akrapovič, famoso per i suoi sistemi di scarico ad alte prestazioni utilizzati in tutte le categorie, dal motocross alla MotoGP, ha dedicato allo scooter due terminali di scarico, uno omologato per uso su strada, l’altro in versione Racing. Entrambi saranno disponibili da febbraio 2022. Malossi, azienda bolognese che vanta una lunga tradizione nella fornitura di parti speciali e ricambi per ciclomotori, scooter e motociclette, per Dragster ha sviluppato di un kit per migliorare le prestazioni della frizione centrifuga sia del motore 125 cc, sia del 200 cc. I kit saranno disponibili da febbraio 2022. In sviluppo anche un kit della parte termica/elettronica ad uso Racing. Brembo fornirà leve e pompa freni Racing, e Ohlins, in collaborazione con Andreani Group, un set di sospensioni. Sarà inoltre disponibile una serie di accessori in carbonio sviluppati direttamente da Italjet.

Arriva il "silenzioso"

Nella seconda metà del prossimo anno, la gamma Dragster si arricchirà di una nuova versione a zero emissioni: Dragster#e01 Electric, con un motore elettrico da 12 kW di potenza massima e 6 kW di potenza nominale. DragsterDRAGSTER 125/200 è prodotto nelle livree Red, Yellow e Black. In Italia, il prezzo del 125cc è di 5499 euro mentre il 200cc è di 5799 euro, inclusa IVA e messa in strada, escluse spese accessorie. In Italia la commercializzazione di DRAGSTER sarà affidata a una rete limitata a circa 50 concessionari, alcuni
già nominati, altri in via di definizione.

Articoli che potrebbero interessarti