Tu sei qui

Eicma 2021: Honda CBR1000RR-R Fireblade SP Anniversary, che spettacolo!

Per i 30 anni dalla prima Firebalde, la CBR900RR, Honda veste la CBR1000RR-R FIreblade degli stessi colori di 30 anni fa, ma aggiorna anche la superbike con nuovi contenuti. Ecco i dettagli

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Il 2022 è un anno importante per Honda e la sua Fireblade: perché si celebra il 30° anniversario dalla nascita di questa straordinaria supersportiva. Per questo motivo, la versione SP arriva nella livrea celebrativa ispirata al primo straordinario modello, la CBR900RR FireBlade del 1992.

Il motore

Il motore a 4 cilindri in linea della Fireblade 2022 sviluppa una coppia massima di 112 Nm a 12.500 giri/min e un picco di potenza pari a 217 CV (160 kW) a 14.500 giri/min. Gli aggiornamenti per il modello 2022 hanno avuto come obiettivo il miglioramento dell’accelerazione e della trazione in uscita di curva. Per prima cosa è stata quindi adottata una trasmissione finale con corona da 43 denti, in modo rendere più pronta la ripresa in ogni marcia grazie a un regime più alto a parità di velocità. Sia l’airbox che il canale che lo alimenta sono stati modificati per rendere il flusso d’aria ancora più consistente. I condotti di aspirazione sono stati ritoccati per aumentare la velocità del flusso in entrata e allo stesso tempo è stato ottimizzato anche il flusso dei gas di scarico attraverso i catalizzatori.

Il carico della molla del gas di tipo Throttle By Wire è stato ridotto per restituire una migliore linearità di risposta a tutte le aperture. Infine, grazie ai riscontri ottenuti dai piloti impegnati nelle competizioni con la CBR1000RR-R, compresi quel del team WorldSBK, il controllo di trazione HSTC è stato ulteriormente perfezionato per offrire al pilota la potenza, il grip e la sensibilità che desidera, per sfruttare al meglio la migliorata trazione. Progettato da zero in occasione del nuovo modello 2020, il motore a quattro cilindri in linea della Fireblade vanta alesaggio e corsa della RC213V e tecnologie antiattrito della RC213VS. È dotato di distribuzione mista catenaingranaggi con bilancieri a dito, bielle in titanio, getti d’olio dei pistoni con sistema di ritegno a sfera e passaggio bypass inferiore incorporato per la camicia d'acqua dei cilindri. Un canale di aspirazione centrale sul cupolino, nel punto si massima pressione aerodinamica, passa attraverso il cannotto di sterzo per convogliare direttamente l'aria nell'air box. Il sistema di scarico con andamento 4–2–1 e collettori a sezione ovale, termina in un silenziatore in titanio sviluppato in collaborazione con Akrapovic. L’acceleratore Throttle By Wire rende disponibili 3 Riding Mode che combinano potenza (P), freno motore (EB), controllo dell’impennata (W) e controllo di trazione (T). Il pacchetto elettronico include anche il launch control regolabile.

La ciclistica

Il telaio in alluminio a diamante sfrutta il retro del carter motore come infulcraggio dell'ammortizzatore; il forcellone lungo deriva da quello della RC213VS. Il bilanciamento della rigidità, la distribuzione dei pesi e la geometria dell’avantreno sono stati disegnati in funzione dell’elevata potenza del motore, della percezione del grip anteriore e posteriore, e del feeling trasmesso dalla ciclistica. La forcella Öhlins NPX da 43 mm a “interfaccia di regolazione per obiettivi” (Objective Based Tuning Interface) offre la totale regolazione delle sospensioni semi-attive Öhlins (Semi active Electronic Control, S-EC). I dischi anteriori hanno un diametro di 330 mm e sono morsi da pinze Brembo Stylema, mentre l'ABS prevede l’impostazione per la guida in circuito. La piattaforma inerziale (IMU) a sei assi monitora accuratamente in 3D la dinamica della moto e fornisce input a tutta l’elettronica di guida, compreso l’ammortizzatore di sterzo elettronico Showa HESD (Honda Electronic Steering Damper) a 3 livelli.

Dalla RC213V derivano molte delle soluzioni aerodinamiche adottate, tra cui le alette per aumentare la deportanza e migliorare la stabilità in staccata. Anche la posizione di guida è super compatta. Il display TFT da 5.00” completamente personalizzabile offre un controllo intuitivo, gestito tramite un blocchetto con tasto a quattro ‘direzioni’ sul semimanubrio sinistro. Il sistema Honda Smart Key aggiunge praticità.

Arriva la Anniversary!

Alle conosciute colorazioni ‘Grand Prix Red’ e ‘Mat Pearl Morion Black’, ora entrambe con grafiche ritoccate e cerchi color oro, si affianca la strepitosa “Pearl Glare White” 30° Anniversario, in tributo alla prima straordinaria CBR900RR FireBlade del 1992 da cui tutto ebbe inizio! Per celebrare l’originale, rivoluzionaria FireBlade del 1992, una delle tre colorazioni disponibili per la CBR1000RR-R Fireblade SP è la nuova “Tricolour”, disegnata da Hiroaki Tsukui che fu il responsabile della livrea originale della prima CBR900RR. Immediatamente riconoscibile, mantiene tutti i dettagli originali ma con il tocco di modernità delle linee attuali unito al tratto di “pennello” per rendere omaggio all’indimenticabile primo modello del 1992.

Altri dettagli la rendono ancora più unica. All’azionamento del commutatore di contatto c’è un’animazione ad “anello di fuoco” sullo schermo TFT. Ogni esemplare ha il suo numero progressivo seriale inciso al laser sulla piastra superiore di sterzo. Inoltre, il logo “30th Anniversary” è presente sul serbatoio, sulla SmartKey, e sul silenziatore di scarico Akrapovic in titanio. Tutto ciò, rende la Fireblade SP del 30° Anniversario ancora più speciale, ritagliandole un posto speciale nella straordinaria storia di Honda.

 

Articoli che potrebbero interessarti