Tu sei qui

SBK, Mandalika è la pista del Mondiale dove si frena più a lungo

L’utilizzo dei freni è di ben 33 secondi e mezzo in un giro, in curva 1 si passa da 289 km/h a 97 km/h in meno di cinque secondi

SBK: Mandalika è la pista del Mondiale dove si frena più a lungo

Share


Gran finale per il Mondiale Superbike sull’Isola di Lombok. Fino al 1997 abbiamo visto le derivate in azione a Sentul, adesso è la volta di Mandalika, che ospiterà per la prima volta i protagonista su un tracciato a dir poco inedito. Una sfida impegnativa per squadre e piloti, così come per Brembo.

Secondo i tecnici della Casa che lavorano a stretto contatto con 17 piloti del Mondiale Superbike, il Mandalika International Street Circuit appare dalle simulazioni a computer come un tracciato impegnativo per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 4.

Impiego record dei freni​

In 11 delle 17 curve del Mandalika International Street Circuit i piloti della Superbike utilizzano i freni per un totale di oltre 33 secondi e mezzo al giro, il valore più alto del campionato: a Jerez il dato è inferiore di un decimo di secondo e quella spagnola è la sola altra pista del campionato a superare i 32 secondi al giro.

In Indonesia i piloti Superbike utilizzeranno i freni in 4 curve consecutive in due diverse sezioni dalla pista, dalla 10 alla 13 e a cavallo di due giri, dalla 16 alla 2. Il rettilineo principale di soli 507 metri impedisce alle moto di raggiungere grandi velocità ma ciò nonostante in tre punti la decelerazione si aggira sui 190 km/h. ​

Un quarto di km per la frenata più tosta​​​​

Delle 11 frenate del Mandalika International Street Circuit 3 sono considerate altamente impegnative per i freni, altrettante sono di media difficoltà e le altre 5 sono light.

La più dura in assoluto è la prima curva dopo il traguardo: per passare da 289 km/h a 97 km/h le Superbike hanno bisogno di 4,7 secondi durante i quali percorrono 250 metri.  

Articoli che potrebbero interessarti