Tu sei qui

Zero Motorcycles: ad Eicma 2021 arrivano anche le special!

Dalla Zero SR/S preparata da Mike Woolaway di Deus Ex Machina fino alla DSR Black Forest Edition che ha attraversato il continente africano. Ecco tutte le special guest del marchio full-electric americano

Moto - News: Zero Motorcycles: ad Eicma 2021 arrivano anche le special!

Share


Dopo lo stop dello scorso anno causa pandemia riparte il 23 novembre nei padiglioni di Fiera Milano a Rho, EICMA, l’Esposizione internazionale delle due ruote. Emblematico iI manifesto ufficiale scelto quest'anno per promuovere la kermesse: un’opera ispirata al Futurismo, realizzata dall’illustratore Victor Togliani e pensata per trasmettere “dinamismo, avanguardia, emozione”. Tre valori in cui Zero Motorcycles si riconosce pienamente e che rappresentano il fil rouge della gamma di modelli esposti dalla casa californiana durante i giorni dell'appuntamento milanese. L'opera di Togliani non sarà l'unico pezzo d'arte che Zero avrà nel suo stand, perché accanto alle novità arriveranno anche i modelli speciali.

Custom d'autore

Zero ha affidato la sua carenata SR/S nelle mani del costruttore Michael “Woolie” Woolaway della sede di Venice Beach di Deus ex Machina. Il risultato è un capolavoro di stile, una moto elettrica moderna nella sostanza ma molto classica nella forma e nelle finiture. Un pezzo unico, non in vendita, ma che diventa emblema della volontà di Zero Motorcycles di distinguersi, proponendo costantemente modelli capaci di fare la differenza. Reduce da un tour europeo che la vede protagonista, la Deus Bike torna quindi a Milano come prima grande ospite dello stand Zero. Una moto che saprà sicuramente catturare l'attenzione del pubblico della fiera milanese.

L'elettrica d'Africa

La seconda ospite dello spazio Zero a Eicma è la DSR Black Forest Edition, la moto elettrica da turismo progettata dal brand californiano. Questa autentica globtrotter è stata la protagonista nel 2019 del progetto AfricaX, un'avventura di 15mila chilometri durata sei mesi durante la quale Thomas Jakel e Dulcie Mativo hanno attraversato il continente africano per incontrare tanti changemakers e innovatori e creare un documentario che potesse essere di ispirazione per i futuri imprenditori del Paese. Thomas Jakel sarà presente durante i giorni della kermesse per raccontare del suo progetto e per dimostrare che anche in sella a una moto elettrica è possibile viaggiare e andare lontano.

La regina della montagna

Guidare una moto Zero è soprattutto potenza e divertimento, come rappresentate di questi valori allo stand di EICMA è ospite la versione europea della SR/F utilizzata da Zero Motorcycles durante la competizione motoristica Pikes Peak International Hill Climb del 2019. La streetfighter dal cuore elettrico è stata trasformata in un modello da corsa che non teme rivali. In Europa è stata guidata da Dale Robinson, Country Manager di Zero Motorcycles UK, che corre da diversi anni. Importante il risultato ottenuto nel 2019 da Dale nelle sessioni di prova del Gamma Racing Day (la prima gara organizzata dall'Open Electric Superbike in programma ad Assen), durante le quali la SR/F è riuscita a ottenere un vantaggio di ben 7 secondi su tutte le altre moto elettriche.

La giustizia corre in elettrico

Ultimo modello speciale, ma non per questo meno importate, è la SR/S predisposta per le forze di polizia. Questo modello in particolare è stato equipaggiato dalla Bertazzoni Veicoli Speciali, un'azienda di Collecchio in provincia di Parma, impegnata nella personalizzazione di mezzi utilizzati per usi particolari. Zero Motorcycles offre infatti una gamma di moto elettriche dedicate alle unità motorizzate delle forze di polizia e di sicurezza con opzioni personalizzabili, per rispondere alle esigenze di una grande varietà di applicazioni per le azioni di pattugliamento. Le moto Zero Motorcycles destinate alle forze di polizia e di sicurezza, oltre a rappresentare una scelta green, offrono dei vantaggi unici rispetto ai veicoli a due ruote tradizionali. Gli agenti alla guida di una moto elettrica possono concentrarsi sulle operazioni di pattugliamento, senza doversi preoccupare dei cambi marcia, della frizione o del rumore del motore. Le moto elettriche consentono di effettuare manovre in situazioni impegnative, che esigono prestazioni e grande tecnicità. In azioni condotte in presenza di persone o in luoghi chiusi, l'assenza di gas di scarico elimina i problemi di ventilazione e apre nuovi scenari di pattugliamento o migliora quelli esistenti.

Articoli che potrebbero interessarti