Tu sei qui

MotoGP, Zarco: "Pecco ha alzato il livello in Ducati, ci ha spinto a imitarlo"

"La moto ha il potenziale per fare bene ma è difficile capire come sfruttarlo al meglio. Il prossimo anno l'obiettivo è vincere il mondiale, è il motivo per cui Ducati schiererà così tante moto"

MotoGP: Zarco: "Pecco ha alzato il livello in Ducati, ci ha spinto a imitarlo"

Share


Johann Zarco ha concluso le qualifiche del Gran Premio della Comunità Valenciana in quinta posizione. Il distacco dal miglior tempo, registrato dall’altra Pramac guidata da Jorge Martìn, è di 482 millesimi. Come la maggior parte dei piloti, il numero 5 ha scartato l’idea di montare la gomma dura domani in gara perché difficile da gestire e preservare per tutta la lunghezza del GP.

“Le FP3 sono andate bene, ho avuto tempo per sentirmi maggiormente a mio agio sulla moto. Così ho potuto spingere con la moto nel momento del time attack. La prestazione è stata molto buona - ha spiegato il pilota francese - Nelle FP4 ho provato diverse cose e ho avuto delle conferme. La gomma dura sul posteriore funziona difficilmente; questa pista è molto stretta e se ti manca qualcosa non puoi lottare con i piloti di testa. Domani mettere la gomma dura non sarebbe una buona idea. In qualifica ho dovuto usare due diverse gomme. Il primo tentativo non è stato buono mentre il secondo ha funzionato. Ho dovuto alcuni giri prime di migliorarmi. Martinator ha fatto un giro incredibile e sarà utile analizzare il suo modo di guidare sopra i limiti”.

Su questa pista sembra che la Ducati abbia un grande vantaggio. Pensi che il risultato di oggi possa aiutarti anche a fare meglio domani?
“La Ducati funziona bene quasi ovunque. Pecco Bagnaia ha alzato il livello e questo ha spinto tutti gli altri piloti Ducati a fare lo stesso. Tutti vogliamo finire la stagione nel miglior modo possibile. La moto ha la potenzialità per fare bene ma non è sempre facile capire come sfruttare tutto questo potenziale. In questa stagione molti piloti sono riusciti a capire come usarlo sempre meglio”.

Finire la stagione con questi risultati ti fa sentire meglio dopo i problemi di questa estate?
"Esattamente! Domani è ancora da vedere ma sono in ottima forma. Mi sento abbastanza bene e posso sperare in una buona gara. Sarebbe ottimo finire bene per passare un buon inverno, perché ho chiaramente perso tempo in diversi mesi e diverse gare. È stato l’unico modo per imparare e non ripetere gli stessi errori il prossimo anno”.

Come sta il tuo braccio destro?
Il braccio sta bene. L’operazione che ha funzionato. Qui si curva molto a sinistra ma non sento dolore. Sono felice perché non è un pensiero che mi passa per la testa quando guido”.

Visto l'attuale dominio delle Ducati, pensi che Fabio Quartararo sia già preoccupato per il secondo titolo?
“Lo spero! Questo è l'obiettivo della Ducati. Ripeto, la moto ha un potenziale enorme. Tutti si evolveranno, quindi partiamo da zero. L'idea è che anche io potrò lottare per il titolo, e Bagnaia lo stesso, Miller sta andando nella stessa direzione. Abbiamo un buon vantaggio grazie al motore, a seconda dei circuiti. Quindi vedremo ma questo è l'obiettivo! È anche il motivo per cui Ducati schiera tante moto!”.

Articoli che potrebbero interessarti