Tu sei qui

MotoGP, Marquez: “Devo avere pazienza, la vita mi ha insegnato a essere positivo”

La diplopia ferma Marc: “È un momento difficile, sembra che piova sul bagnato. Bisogna lasciar trascorrere il tempo e vedere l’evoluzione”

MotoGP: Marquez: “Devo avere pazienza, la vita mi ha insegnato a essere positivo”

Share


Prima il braccio, che lo ha costretto a rinunciare alla corse per quasi un anno e mezzo, adesso la diplopia, che lo obbligherà a rimanere fermo per la gara di Valencia e i seguenti test di Jerez. Questo è quanto reso noto da Honda nel comunicato stampa diramato stamani in merito all'assenza del proprio pilota in vista del finale di stagione. Un duro colpo da incassare per Marc Marquez, che come ben sappiamo aveva già sofferto di tale problema a cavallo tra la stagione 2011 e 2012, tanto da mettere a repentaglio la sua carriera agonistica.

In occasione della prove del GP di Sepang di 10 anni fa, lo spagnolo aveva infatti rimediato un edema periorbitale, che lo aveva costretto a un lungo stop, dovendo poi alzare bandiera bianca nella lotta per il titolo della classe intermedia. In seguito, a inizio 2012, è stato poi sottoposto a intervento chirurgico, dove i medici hanno praticamente riallineato gli occhi. Da quel momento tutto sembrava essersi risolto per il meglio, invece oggi ecco tornare nuovamente quell'incubo

Marc si prepara quindi ad affrontare una nuova sfida della sua vita, non in pista ma fuori. D’altronde uno come lui è abituato e non vorrà certo tirarsi indietro. Attraverso un post pubblicato sui social, il 93 ci ha tenuto a mandare un messaggio a tutti i suoi fan: “Sono momenti difficili, sembra che piova sul bagnato. Ieri, dopo aver visitato il Dott. Sánchez Dalmau, è stato confermato un nuovo episodio di diplopia (visione doppia) con una paralisi del quarto nervo destro, proprio come mi è successo nel 2011. Ora tocca avere pazienza, lasciar trascorrere il tempo e vedere come si evolve la situazione. Una cosa ho imparato nella vita è che bisogna affrontare le avversità con positività. Grazie mille a [email protected] per il vostro sostegno!!”

Noi possiamo che augurargli il meglio.

Articoli che potrebbero interessarti