Tu sei qui

MotoGP, Marini: “devo migliorare con la gomma soft se voglio entrare in Q2"

“Ho ancora margini di miglioramento, anche in vista del 2022. Stoner non l’ho ancora incontrato, ma mi incuriosisce. Vorrei sapere come vive questa nuova vita e se gli sarebbe piaciuto tornare a correre”    

MotoGP: Marini: “devo migliorare con la gomma soft se voglio entrare in Q2"

Share


Luca Marini ha concluso il venerdì di Portimao con il 15° crono a quasi un secondo dalla vetta. In una giornata in cui i distacchi sono stati contenuti, al portacolori del team Sky VR46 Avintia è infatti mancato il colpo di reni nel finale per entrare nei primi dieci.

Nulla di preoccupante, visto che il pesarese sembra avere la situazione  sotto controllo e per sabato si aspetta una crescita in termini di prestazioni.

“Sono partito con un bel passo e una buona costanza stamani – ha esordito Luca - al pomeriggio ho invece sofferto, in particolare a causa del vento. Purtroppo, nel corso dell’ultima uscita, quando ho cercato il tempo, non sono riuscito a fare la differenza con la gomma posteriore soft e quello ha inciso. L’inizio resta però incoraggiante, anche se vorrei capire meglio alcuni aspetti come l’impennamento e anche il grip”.

Il bicchiere sembra quindi essere mezzo pieno.

“Sono fiducioso, perché so che domani potremo fare un passo avanti e trovare delle migliori sensazioni in sella alla moto. Il problema della gomma soft è infatti risolvibile, di conseguenza voglio essere ottimista per la FP3, dove l’obiettivo sarà quello di entrare subito in Q2. Ci posso provare, è alla nostra portata, anche se non sarà facile”.

Nel frattempo la stagione sta per volgere al termine e Marini punta a terminare in bellezza.

“Non c’è un obiettivo preciso per il finale di Campionato, anche se la priorità è quella di chiudere al meglio il fine settimana di Portimao. Sono infatti convinto che qua potrò essere più competitivo rispetto a Valencia. So che ci sono ancora dei dettagli da migliorare come pilota e voglio farlo il prima possibile, in modo da essere pronto per il prossimo anno”.

Come ben sappiamo, tra gli ospiti di Portimao c’è anche Casey Stoner.

“A dir la verità non l’ho ancora incontrato. Se dovessi vederlo mi farebbe molto piacere. Gli domanderei come vive questa sua nuova vita in Australia e se magari gli sarebbe piaciuto tornare correre. Lui è una persona molto riservata e tutto ciò mi incuriosisce”.  

Articoli che potrebbero interessarti