Tu sei qui

Yamaha XSR900 2022: la regina classic di Iwata è tornata!

La più delle Faster Sons di Yamaha ritorna con un'elettronica attuale e un boost di potenza, seguendo le orme della sorella MT-09. Ecco tutti i dettagli

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


La capostipite delle Faster Son di Yamaha torna nel 2022 profondamente rivista rispetto al recente passato: la Yamaha XSR900 non perde fascino e tradizione, ma le unisce con un passo in avanti in temini di tecnologia e prestazioni. Presentata per la prima volta nel 2016 la XSR900 ha fatto crescere il segmento Sports Heritage: ora è il momento di affrontare un nuovo capitolo ricco di novità.

Tecnologicamente ed esteticamente ispirata agli anni '80, un periodo glorioso e significativo nella storia di Yamaha, la XSR900 non è diversa da molti altri modelli neo-rétro, in quanto non si limita a essere il revival di un modello precedente o ad avere un'ispirazione vintage. Con il leggendario telaio Deltabox al centro della moto, la XSR900 incarna l'autentico spirito Yamaha, dando una forma fisica alla storia, agli ideali e alla reputazione espressi dall'azienda. Caratteristiche fondamentali come il serbatoio dal design muscolare e le cover a completamento creano un design essenziale senza elementi superflui, le cui origini passano dalle moto sportive che hanno cambiato il mondo del motociclismo quattro decenni fa.

Design funzionale

Il design non solo parla delle origini di Yamaha, ma fa anche parte dell'anima che l'azienda vuole trasmettere. Non si tratta di dare la priorità al design o alle prestazioni, ma di dare la priorità all'uomo e al pilota. Con la XSR900, la posizione del telaio Deltabox viene abbassata e il forcellone allungato per migliorare la stabilità in rettilineo, mentre la rigidità complessiva, grazie al diverso fissaggio del forcellone è migliorata. Una piattaforma da roadster pura ideale per la guida casual o più vivace.  

Insieme alla posizione di guida dall'ispirazione retrò, con la seduta praticamente sulla ruota posteriore, produce guida divertente che stimola i sensi. La sensazione di coppia generata dall'ultima versione del motore CP3 da 889 cc e il collegamento diretto con l'acceleratore fanno parte del fascino della moto. Il nuovo sound dello scarico sottolinea il carattere esclusivo ed entusiasmante di questa moto Sport Heritage top di gamma. Utilizzando le più recenti tecnologie Yamaha, i tecnici si sono concentrati sulla garanzia che il pilota possa sperimentare il controllo attivo della moto e che la XSR900 risponda istantaneamente e in modo intuitivo al modo in cui ogni motociclista guida la moto. Il serbatoio della XSR900 si ispira ai piloti di Gran Premio Yamaha degli anni '80 e dispone di prese d'aria dinamiche che non si limitano a migliorare l'efficienza del motore, ma trasmettono anche al pilota il potente rombo di aspirazione.

Il rapporto tra il serbatoio muscolare da 15 litri e la sella consente una posizione di guida più arretrata rispetto al punto centrale della moto, quasi sopra alla ruota posteriore. Un layout che contribuisce al carattere di guida unico della moto nonché a creare un'ergonomia a basso stress. L'attenzione si è concentrata sulle forme delle parti con cui il pilota entra in contatto, come il serbatoio, la sella e la posizione del manubrio. Le cover laterali conferiscono alla XSR900 un look minimalista, mentre il tappo di rifornimento del serbatoio in stile racing sottolinea la tradizione sportiva della moto.

Un Deltabox tutto nuovo

Una caratteristica fondamentale della nuova XSR900 è l'uso di un nuovo telaio in alluminio compatto e leggero, che utilizza i più recenti processi di produzione per rendere questo modello uno dei design più snelli, leggeri e compatti della categoria. La rigidità longitudinale, laterale e torsionale è aumenta significativamente, migliorando la stabilità in rettilineo senza influenzare l'agilità, mentre il cannotto di sterzo è posizionato 30 mm più in basso rispetto al modello precedente, per aumentare la sensazione in curva. In questo modo il manubrio può essere posizionato più in basso per conferire alla XSR900 un atteggiamento più aggressivo e, in combinazione con altre modifiche al telaio, vi è una riduzione del 14% dell'inerzia intorno all'asse dello sterzo rispetto al modello precedente, permettendo al pilota di curvare in modo rapido, preciso e sicuro.

 Il nuovo telaio Deltabox è stato realizzato con la più recente tecnologia Yamaha Controlled Filling (CF), che controlla accuratamente diversi fattori, tra cui la pressione, la temperatura e la velocità di iniezione dello stampo. Questa sofisticata tecnologia esclusiva di Yamaha consente di produrre complesse strutture pressofuse che possono essere rese più leggere e più resistenti rispetto a quelle utilizzate con i metodi di fusione tradizionali. Il telaio utilizza sezioni di diversi spessori, cosicché il livello di rigidità è progettato per adattarsi ai diversi carichi sostenuti in qualsiasi area specifica. Lo spessore della parete varia da 1,7 mm nel punto più sottile a 3,5 mm nel punto più spesso e questa "rigidità ottimizzata" trasmette al pilota un feeling e un feedback eccellenti, conferendo alla XSR900 un carattere sportivo e reattivo nella guida. La stabilità in rettilineo è esaltata anche dal montaggio di un forcellone in alluminio, più lungo di 55 mm rispetto al modello precedente, per un interasse di 1.495 mm, insieme al forcellone più lungo, il nuovo telaietto posteriore enfatizza lo stile ripreso dalla XSR900 anni '80 , grazie anche alle pedane passeggero a scomparsa per rafforzare le linee pulite di questa moto Sport Heritage high-tech. Non è solo il telaio a trarre vantaggio dalla rigidità ottimizzata, i progettisti Yamaha hanno fatto di tutto per garantire che la XSR900 sia in grado di offrire un feeling e un feedback ancora più elevato. Mentre il modello precedente utilizzava un forcellone con fissaggio interno al telaio, la nuova moto adotta un forcellone con fissaggio tra gli elementi esterni del telaio, un design migliorato, più compatto e più rigido che in precedenza

Componenti ad alte prestazioni

I componenti di alta qualità sono evidenti in tutta la XSR900 e la nuova pompa radiale Brembo sottolinea le specifiche all'avanguardia della moto, che ne esaltano il notevole potenziale sportivo, questo sistema fornisce un feedback accurato dai doppi dischi da 298 mm e offre una forza frenante senza precedenti con un alto livello di controllabilità. L'attenzione ai dettagli è visibile nel bellissimo pedale del freno forgiato che controlla il disco posteriore da 245 mm. 

La sospensione è di prima classe e dispone di una forcella KYB USD completamente regolabile, con una finitura dorata che ne sottilinea il look, mentre la sospensione posteriore a leveraggio è dotata di un ammortizzatore KYB inclinato in avanti, praticamente nascosto alla vista, per conferire alla parte posteriore un aspetto pulito ed elegante. Anche i cerchi sono una novità,  realizzati con l'esclusiva tecnologia SpinForging di Yamaha, il set è più leggero di 700 gr rispetto a prima. Si tratta di una riduzione significativa del peso non sospeso che consente un'azione più reattiva delle sospensioni, per un'agilità e una stabilità maggiori. Le ruote più leggere riducono dell'11% il momento inerziale, per rendere la nuova XSR900 molto più reattiva, in particolare in curva e in frenata.

Per gestire i livelli di coppia nettamente superiori della XSR900, la frizione antisaltellamento è stata migliorata con diverse piastre di attrito, mentre l'angolo delle camme della frizione è passato da 30 gradi a 33 gradi. Queste modifiche riducono il carico sulle molle della frizione, quindi, anche se il motore eroga una coppia maggiore a regimi più bassi, la sensazione della frizione alla leva è di fatto più leggera. Assorbendo la coppia, la frizione antisaltellamento contribuisce a ottenere un comportamento del telaio più preciso e stabile durante l'inserimento delle marce inferiori, aumentando il controllo in decellerazione. 

Al centro del nuovo sistema della XSR900 c'è l'unità di misurazione inerziale (IMU) a 6 assi, che utilizza due sensori per misurare la velocità e l'accelerazione su tre assi. Questa nuova unità è del 50% più piccola e del 40% più leggera rispetto al design della R1 originale del 2015 e invia all'ECU i dati che informano i tre dispositivi di assistenza al pilota: Sistema di controllo trazione sensibile alla piega, sistema di controllo dello slittamento (SCS) e sistema di controllo impennate (LIF).

Dettagli di stile

Una caratteristica apprezzata dell'originale XSR900, il faro tondo, è stata mantenuta, ma viene portata a un livello superiore grazie alla funzionalità completamente a LED. Oltre a fornire un potente e ampio fascio di luce orizzontale per un'eccellente visione in curva di notte, il nuovo gruppo ottico LED consente l'uso di un alloggiamento molto più corto. I supporti dei fari in alluminio spazzolato rafforzano il design solido e meccanico della moto, sottolineando il suo status di modello di spicco nel segmento Sport Heritage Yamaha. Per sottolineare l'immagine da competizione storica, la XSR900 è dotata di una luce posteriore "nascosta" a LED situata sotto la bombatura della sella. Gli indicatori di direzione a LED sottolineano le linee eleganti e sportive di questa naked retrò ad alte prestazioni.

La qualità e l'attenzione ai dettagli sono evidenti da ogni angolazione ed è chiaro che non sono state prese scorciatoie e che i progettisti Yamaha non sono scesi a compromessi nella loro mission di costruire questo modello Sport Heritage di nuova generazione. Per un'immagine di qualità, ma pur sempre ispirata alle competizioni, il cruscotto è montato su una nuova piastra forcella , tappi forcella lavorati e logo XSR in alluminio. Tra le altre caratteristiche figurano una piastra in alluminio, comandi a pedale forgiati, serbatoi dei freni neri e specchietti retrovisori alle estremità del manubrio pronti a far colpo, non solo sul pilota. L'unità LCD circolare del modello precedente è stata ora sostituita da un display TFT a colori da 3,5 pollici con specifiche molto più elevate, con un contagiri a barre che cambia colore con l'aumento dei giri/min e che dispone anche di informazioni secondarie configurabili. La selezione della modalità di guida è facilmente gestibile tramite selettori sul manubrio.  

 CP3, il protagonista

Per il 2022, la XSR900 è spinta dal nuovo CP3 da 889 cc, più potente e di cilindrata superiore, che eroga una coppia più corposa e lineare, per accelerazioni eccezionali. Rispetto al motore precedente, la nuova unità presenta un'escursione più lunga di 3 mm per regalare 43 cc in più, mentre praticamente tutti i componenti interni principali sono stati ridisegnati e alleggeriti per rendere questo modello uno dei più potenti nella sua categoria. I pistoni più leggeri contribuiscono a ridurre il peso del motore (scarico escluso), 300 g in meno rispetto al passato, e queste modifiche consentono un aumento di potenza di 4 CV fino a 119 CV a 10.000 giri/min. Inoltre, la coppia prodotta da questo motore, già famoso per la sua potente coppia lineare, aumenta notevolmente fino a 93,0 Nm (9,5 kgf-m). Si tratta di un aumento del 6%, raggiunto a 7.000 giri/min, ben 1.500 giri/m in meno rispetto al modello precedente.

I piloti che già conoscono l'accelerazione fluida del leggendario motore CP3 Yamaha, una delle unità più vendute in Europa, saranno sicuramente più che impressionati dall'aumento delle prestazioni della nuova XSR900. È certo che la categoria Sport Heritage è una delle destinazioni più entusiasmanti per una nuova generazione di piloti che apprezzano uno stile senza tempo e desiderano prestazioni adrenaliniche con una tecnologia all'avanguardia. La nuova XSR900 è dotata di quattro modalità D-Mode di potenza del motore, rispetto alle tre del modello precedente. La modalità 1 è quella più aggressiva a piena potenza, mentre le modalità 2, 3 e 4 offrono gradi di risposta sempre più morbidi in base alle condizioni di guida. Di contorno arrivano il quickshifter e il cruise control.

Visto che anche l'udito vuole la sua parte, i tecnici Yamaha hanno dedicato molto tempo e impegno alla realizzazione di un sistema di scarico in sintonia con l'aspirazione, in grado di trasmettere la coppia e l'emozione immensa associate al motore della XSR900. In fase di progettazione del nuovo sistema di scarico, il membri del team Yamaha hanno percorso migliaia di chilometri su strade tortuose alla ricerca della perfezione. Il nuovo scarico della XSR900 è caratterizzato da lunghezze diverse delle camere bilaterali, grazie agli studi sulle dimensioni e forme delle camere, è stato ottenuto il sound ideale. Insieme al design dei condotti delle prese d'aria, anche il sound destinato al pilota stesso è stato perfettamente orchestrato.

Omaggio alla storia Yamaha

Per rafforzare il legame con l'innovazione e il successo degli anni '80, la nuova XSR900 è presentata in un'interpretazione moderna dei colori distintivi del vincitore di molti GP, Christian Sarron. Christian ha contribuito a sottolineare il successo del telaio Deltabox, offrendo grandi prestazioni durante tutti gli anni '80. Questi successi echeggiano tutt'ora all'interno di Yamaha e stimolano il marchio a raggiungere prestazioni migliori ogni giorno. Questo schema cromatico si fonde perfettamente nell'immagine da roadster e lo spirito da competizione, grazie al caratteristico gioco tra serbatoio e sella, e le pedane passeggero a scomparsa si combinano per creare il look unico della XSR900. Sarà disponibile in due colorazioni: Legend Blue, ciano e giallo con forcella e ruote color oro, oltre a Midnight Black con accenti rossi, forcella e comandi neri. Le consegne ai concessionari Yamaha inizieranno a partire da aprile 2022.

Articoli che potrebbero interessarti