Tu sei qui

Zongshen Cyclone RX850 Adventure Tourer: la cinese col cuore Norton

Motore bicilindrico da 85 CV di derivazione Norton per la Zongshen Cyclone RX850 Adventure Tourer, crossover che dovrebbe presto arrivare in Italia e che è stata recentemente svelata nei dettagli

Moto - News: Zongshen Cyclone RX850 Adventure Tourer: la cinese col cuore Norton

Share


Non si fermano gli investimenti del produttore cinese Zongshen che continua a rimpolpare le sue moto di segmento premium. L'obiettivo è chiaro a tutti, andare all'attacco del mercato europeo! Il marchio qui da noi è Cyclone, ed i primi frutti li abbiamo visti in occasione del Chongqing International Motor Expo dove l'azienda ha presentato ben sette modelli a marchio Cyclone. Tra questi, la RX6 derivata da motorizzazione Norton ed il concept RA9. Il mercato continua a richiedere enduro stadali e crossover, e Zongshen arriva con la Cyclone RX850 Adventure Tourer.

Zongshen Cyclone RX850 Adventure Tourer: crossover all'attacco!

La Cyclone RX850 Adventure Tourer ha l'obbiettivo di "schiacciare" a livello commerciale mezzi come la KTM 890 Adventure o la nuova CFMoto 800 MT. Simile alla RX6, la Cyclone RX850 Adventure Tourer dovrebbe presto essere lanciata in Italia, così come in altre parti d'Europa. Questa moto vuole chiaramente essere un mezzo al 100% stradale, visti i cerchi in lega che montano penumatici completamente stradali. La diretta concorrente dunque, dovrebbe a questo punto essere una giapponese, ovvero la Kawasaki Versys 650. Non sappiamo ancora molto, ma è abbastanza sicuro che sarà dotata di illuminazione Full-LED con DRL, ed un ampio quadro strumenti TFT a colori, oltre che la solita connettività per smartphone Bluetooth.

Quanto al motore, la RX850 utilizza una versione rivista propulsore derivato da Norton e montato sulla RX6. La configurazione è sempre bicilindrica parallela, ma ora da 850 cc, contro i 649 dell'RX6. La potenza? 85 cavalli, un dato che fa pensare ad un motore decisamente "docile" e quindi perfetto per l'utilizzo, senza grossi picchi di "aggressività". Si sa poco altro, se non che la moto sia equipaggiata con un telaio tubolare in acciaio ed un forcellone in alluminio. Le sospensioni poi, sia anteriori che posteriori, sono by KYB. Interessante l'impianto frenante: doppi dischi davanti ed un disco singolo dietro, griffati Nissin.

Articoli che potrebbero interessarti