Tu sei qui

Si filmano sui social mentre rubano la moto: l'arresto è da record

E' successo in Inghilterra, dove due giovanissimi e improbabili criminali hanno preferito la discutibile gloria delle stories di Instagram a una fuga canonica senza destare sospetti. E infatti sono stati arrestati

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Questa notizia potrebbe tranquillamente animale la rubrica “L'imbecille del giorno” se solo ne avessimo una, e soprattutto se nel Regno Unito i furti di moto e scooter non fossero una vera e propria piaga che ha costretto le forze dell'ordine ha escogitare vari metodi per contrastare il fenomeno. Ma se tutti i ladri fossero come Harrison Walker e Jayden Jones-McGilvray il problema sarebbe stroncato alla radice, e il perché è presto detto.

Rubo lo scooter e mi faccio un selfie

Pochi giorni fa in East Sussex i due giovani, rispettivamente di 20 e 21 anni sono stati arrestati con l'accusa di furto. E fin qui non ci sarebbe nulla di strano, se non sapessimo che a facilitare le indagini della polizia locale sono stati gli stessi criminali, postando sui social la loro fuga dopo uno dei nove furti per cui sono stati incriminati. Nonostante l'evidente scarsità di talento criminale infatti i due giovani, aiutati da un complice, tra la fine di settembre e l'inizio del mese di ottobre erano riusciti a rubare 9 veicoli, tra cui un van Ford Transit che usavano come “mulo” per le loro missioni, e a svaligiare varie abitazioni della zona.

Il danno e la beffa

Entrambi davanti al giudice hanno subito condanne importanti, ma se Jayden Jones-McGilvray, il “cameraman” se l'è cavata con una condanna a 3 anni e 10 mesi, il protagonista del video, Harrison Walker dovrà scontare 4 mesi in più rispetto al “compare”. E il motivo è per i reati di guida commessi, tra cui quello di essere sullo scooter senza casco. In una nazione in cui già volano i droni per sventare furti di moto e scorribande nei campi da parte di aspiranti assi del motocross forse è meglio non condividere sui propri profili social la fuga dalla scena del crimine.

 

Articoli che potrebbero interessarti