Tu sei qui

Moto2, Lowes ritrova la vittoria a Misano, caduto Fernandez, 7° Gardner

Sam mette fine a quel digiuno che durava dal Qatar, mentre Augusto Fernandez soffia il secondo posto a Canet, il quale rimane senza benzina, 4° Vietti, 6° Manzi, 8° Di Giannantonio, caduto Bezzecchi

Moto2: Lowes ritrova la vittoria a Misano, caduto Fernandez, 7° Gardner

Share


Il digiuno durava dalla seconda gara in Qatar, ma finalmente è stato interrotto. Sam Lowes ritrova infatti a Misano quel successo che mancava dallo scorso 4 aprile a Losail. Una prestazione da incorniciare per il portacolori Marc VDS, il quale ha avuto la meglio nei confronti di Aron Canet, rinviandogli così il sogno del primo successo in Moto2.

In gara Sam ha cercato di dettare il ritmo all’inizio, in seguito ha lasciato spazio al rivale, per poi infilarlo col sorpasso decisivo a quattro tornate dal termine. Come se non bastasse, nel corso dell’ultimo giro, Canet è rimasto senza benzina all’ultima curva, dovendo subire anche il sorpasso di Augusto Fernandez.

Sul gradino più alto del podio c’è quindi Sam Lowes al termine di una gara che ha regalato non pochi colpi di scena in ottica Mondiale.

Per maggior informazioni andare a chiedere a Raul Fernandez, finito a terra a 11 giri dalla conclusione in curva 8. Una caduta strana quella del portacolori KTM Ajo, giunta nel momento in cui era in piena lotta per la prima posizione. Un episodio che rischia di pesare come un macigno nella corsa iridata e che di fatto spiana la strada a Remy Gardner, soltanto settimo quest’oggi a Misano.

L’australiano ha dovuto fare i conti con una gara a dir poco sofferta, dove prima ha steso Chantra, in seguito è stato costretto a scontare un long lap penalty, per poi finire settimo alle spalle di Stefano Manzi. Tornando ai piani alti, resta giù dal podio Celestino Vietti, autore di un ottimo quarto posto seguito da Jorge Navarro, mentre ottavo Fabio Di Giannantonio.

Fuori Bulega, soltanto 18°, poi Corsi e Baldassari. Da registrare infine le cadute di Bezzecchi, quando era settimo davanti a Gardner, a cui si aggiungono quelle di  Beaubier, Garzo e Arbolino.

 

Articoli che potrebbero interessarti