Tu sei qui

MotoGP, Bagnaia: "Contro Quartararo non ho altre opzioni, solo vincere"

VIDEO - "Correrò come se lui partisse al mio fianco e cercherò di scappare. Potremo farcella se Miller e Marini collaboreranno"

MotoGP: Bagnaia: "Contro Quartararo non ho altre opzioni, solo vincere"

Share


La giornata non avrebbe potuto iniziare peggio e finire meglio per Bagnaia. Quando, al termine delle FP3, il suo nome era accanto all’11° tempo, cioè il primo escluso dalle Q2, le cose sembravano mettersi male. Nel pomeriggio, con l’asfalto che lentamente si asciugava, è venuto fuori il migliore Pecco. Quello che si è preso la 4ª pole position consecutiva, per trovare di meglio in Ducati bisogna risalire al 2008, quando Stoner ne firmò 7 di seguito.

Pecco, come descrivi questa giornata?
“Mi sento semplicemente felice. Questa mattina, sul bagnato, mi sentivo bene ma quando ho montato le gomme nuove ho iniziato a faticare, non avevo trazione. Alla fine, però, fare le Q1 mi ha aiutato. Sono stato in pista per tutta la sessione e la mia fiducia è aumentata giro dopo. Non pensavo che il mio tempo in Q2 fosse sufficiente con la pole, ma lo è stato e non c’era modo migliore per finire la giornata”.

Anche nel primo di GP di Misano eri in pole, poi avevi vinto…
Mi piacerebbe finisse nello stesso modo (ride). Penso che il lavoro che avevamo fatto in quel fine settimana, e soprattutto nei test con temperature più basse, potrà aiutarmi. Il mio obiettivo è quello di andare in fuga e poi gestire il vantaggio, ma non sarà semplice”.

Quartararo partirà molto indietro questa volta.
Non devo pensare alla sua posizione, ma solo a spingere, come se partisse al mio fianco. L’unica mia possibilità per tenere aperto il campionato è vincere”.

Chi avrà più pressione: tu o lui?
Non posso parlare per Fabio, io so solamente che devo puntare alla vittoria, ma so che Quartararo rimonterà. Voglio concentrarmi su me stesso, stare davanti, poi vedremo le condizioni che troveremo”.

Senza Quartararo chi sarà il tuo principale rivale?
L’ultima volta qui a Misano Miller è stato molto competitivo, anche Marini lo sembra, ma non so se ci riuscirà per tutta la gara. Mi piacerebbe lottare con le altre Ducati, se facessimo un buon lavoro insieme magari potremo scappare”.

Come mai sei così forte su questa pista?
Mi sono allenato tanto qui, con la Panigale V4 che dà sensazioni simili alla MotoGP, questo mi ha aiutato. Però ero forte anche in Moto2, a volte succede che ci siano piste che si adattano bene al tuo stile di guida e questo è il caso. Riesco a essere vicino alle Yamaha anche nel primo settore della pista, che è il più complicato per la Ducati”.

Con l’asfalto umido non hai avuto nessuna preoccupazione?
In quelle condizioni a volte ti trovi bene e altre no. Oggi c’erano sono 2 o 3 curve bagnate e l’asfalto aveva comunque un buon grip, non è stato un problema”.

Articoli che potrebbero interessarti