Tu sei qui

Max Wrist e la Yamaha R1 in fiamme: ecco il video dell’incidente

L’impunito e spericolato youtuber ha distrutto la sua moto, fortunatamente senza conseguenze per lui. Magari sarà la volta buona per darsi una calmata?

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


La figura di Max Wrist, al secolo Eugene Edward McMahel, è quantomeno controversa: lo youtuber, che nella vita di tutti giorni sarebbe un militare americano che è stato di stanza anche a Vicenza, da anni ormai alimenta i suoi social di video che sono un concentrato di imprudenza e scorrettezze alla guida.

Il curriculum

Gare con altri bikers, sorpassi azzardati, velocità folli hanno condito i suoi “contenuti” ma anche la sua fedina penale, visto che dopo un paio di passaggi nei tribunali italiani con tanto di sigilli alla moto e ritiro di patente sono dovute intervenire le autorità militari americane per placare lo youtuber-militare, degradandolo e condannandolo a 720 giorni di carcere nel 2017, da scontare in un penitenziario militare tedesco. Le galere militari, lo stipendio sospeso e la degradazione non devono essere state una punizione poi così esemplare per Eugene, che sotto il suo nickname ha continuato a sfidare supercar e ha collezionare infrazioni anche una volta tornato negli USA.

Tanto va la gatta al lardo…

Difficile stabilire se un personaggio del genere possa rendersi conto del rischio che corre e che fa correre agli altri utenti della strada. La legge dei grandi numeri però è difficile da smentire, e a forza di correre per strada senza alcun criterio prima o poi l’imprevisto ci può stare: e tanto è stato. Max Wrist, armato di action cam e come al suo solito ben oltre i limiti consentiti, si è ritrovato un sasso in piena traiettoria dietro una curva e non ha potuto far nulla per evitarlo. La sua Yamaha YZF-R1 naturalmente è schizzata via ed è finita in fiamme. Per sua fortuna il motociclista americano non ha riportato conseguenze serie: ci piacerebbe dire che potrebbe aver imparato la lezione ma, visto che non è la prima volta che succede, ci crediamo poco

Articoli che potrebbero interessarti