Tu sei qui

SBK, San Juan: Redding dà l’addio al Mondiale, a Rea serve un miracolo contro Toprak

I sogni iridati di Scott si infrangono al sabato in curva 1, mentre Johnny è alle corde contro un Razgatlioglu che pare imbattibile sul tracciato argentino

SBK: San Juan: Redding dà l’addio al Mondiale, a Rea serve un miracolo contro Toprak

Share


Arrivati a questo punto non resta che mettersi comodi e godersi il gran finale di San Juan. Prima la Superpole Race, poi Gara 2, che potrebbero decidere le sorti di questa sfida Mondiale. Per laurearsi Campione, Toprak Razgatlioglu dovrà infatti mettere in cassaforte ben 33 punti in più rispetto a Johnny Rea. Più facile a dirsi che a farsi, dal momento che servirebbe una debacle da parte del Cannibale.

A tal proposito il turco è stato bene chiaro: “Se devo vincere il Mondiale voglio farlo con Rea in pista e non con lui che cada a terra o si ritiri”. Come a dire: preferisco vincere questo Mondiale battendolo sul campo, piuttosto che con lui fermo ai box.

Sta di fatto che il sabato di San Juan ha emesso le prime sentenze, condannando di fatto Scott Redding. Nonostante la prestazione da dieci e lode in qualifica, con tanto di prima pole stagionale, il portacolori Aruba ha mandato tutto all’aria con quella caduta al via di Gara 1. Un episodio che segna definitivamnete la sua corsa iridata, tanto da farlo sprofondare a 72 punti di distacco dalla vetta, detenuta da Toprak.

A proposito del turco: ancora una volta il portacolori Yamaha si è rivelato impeccabile. San Juan sembra infatti essere stata disegnata su misura per lui e la Yamaha, a tal punto che Rea non ha potuto fare altro che incassare il colpo. Più di così Johnny e la Kawasaki non potevano davvero fare nel sabato argentino. Johnny è partito all’attacco in gara, mettendosi da subito negli scarichi di Toprak, ma dopo poche tornate ha capito che non c’era nulla da fare di fronte al suo ex allievo.

Il Cannibale ha ora 29 punti da recuperare nei confronti di un Razgatlioglu che pare una macchina da guerra perfettamente collaudata. D’altronde, se andate a vedere, è proprio questo il film del Mondiale 2021 da Assen in poi con Toprak un gradino sopra la concorrenza. Rea ormai l’ha capito ed è consapevole del fatto che nella sua artiglieria ci siano ben poche armi da utilizzare per difendere il proprio regno.

L’unica speranza è un miracolo o qualcosa di molto simile.      

Articoli che potrebbero interessarti