Tu sei qui

Royal Enfield Continental GT Cup, l'antagonista del Guzzi Fast Endurance

Un campionato monomarca (per ora in India) dedicato alla modern classic bicilindrica, vestita e preparata per l'occasione. La Continental GT-R650 perde 24 kg e guadagna una mezza carena, ma non solo 

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


La formula è di sicuro interesse, come dimostra il successo in Italia della Fast Endurance di Moto Guzzi, che vede impegnate le V7 III,  allestite con un apposito kit racing. Royal Enfield pare aver apprezzato l'iniziativa e la fa propria portando in India un format di gara che ha un sapore vintage, perfettamente allineato con quello del suo modello Continental GT. Il concetto è quello di dare ai piloti mezzi dalle prestazioni uguali, quindi per il successo sono fondamentali soprattutto le proprie abilità, grinta e volontà. 

Per quanto riguarda la preparazione della moto in questo caso sembra che Royal Enfield si sia spinta un po' più in là, visto che la versione GT-R 650 della Continental dichiara prestazione del 12% più elevate (53 cv dai circa 48 di serie), con una dieta drastica (pensate, perde ben 24 kg!) per arrivare a 174 kg a secco, mentre a livello estetico debutta una carena che regala tutto ciò che serve dal punto di vista "racing".

Per completare il quadro non potevano mancare un ritocco alle sospensioni, che diventano più rigide e che sono regolabili, uno scarico racing, semimanubri bassi, pedane più alte e pneumatici in mescola (JK Tire Motorsports). Insomma, gli ingredienti per divertirsi in sicurezza ci sono tutti

Le registrazioni sono già aperte, i posti a disposizione sono 18 e la prima gara è già programmata per il 21 ottobre, per poi passare ad altre due a novembre e dicembre, prima della fine del 2021. Si tratta infatti di un campionato 21-22, con gara 4 il 13 gennaio. Organizzato con il supporto della Federation of Motorsports Club of India (FMSCI), la Royal Enfield Continental GT Cup debutterà al Kari Motor Speedway di Coimbatore e il round finale si svolgerà al Buddh International Circuit.

Un ritorno alle origini per la casa inglese trapiantata in India, con un passato ricco di successi, come quello al TT del 1916.

Articoli che potrebbero interessarti