Tu sei qui

SBK, Bradley Smith (possibile) nuova arma Kawasaki nel CIV Superbike

Nella domenica di gare a Vallelunga, Black Flag Motorsport ha presentato il progetto legato all'ingresso nel CIV Superbike insieme a Kawasaki Italia. Beatrizzotti: "Siamo in trattativa avanzata con Bradley Smith, il sogno è portarlo in griglia nel 2022"

SBK: Bradley Smith (possibile) nuova arma Kawasaki nel CIV Superbike

Share


La stagione del CIV Superbike è terminata da pochissime ore, eppure lo sguardo è già rivolto alla prossima, quando nello schieramento tornerà finalmente un marchio prestigioso del calibro di Kawasaki. Assente dal panorama italiano addirittura dal 2018 (fatta eccezione per le piccole parentesi del Puccetti Racing Team nelle vesti di wild card), nel 2022 la Casa di Akashi rientrerà in forma ufficiale mediante la struttura del Black Flag Motorsport. Una notizia risaputa da settimane (QUI il pezzo), comprovata dalla presentazione dei piani lavoritivi in occasione della finalissima all'Autodromo Piero Taruffi di Vallelunga, in cui hanno trovato conferme pure alcuni rumors in chiave prima guida.

Kawasaki nel CIV SBK

Recentemente impegnata nel National Trophy e nella SuperSport 600 del Campionato Italiano Velocità, la compagine capitanata da Mathia Beatrizzotti esordirà nella top class tramite il supporto diretto della filiale nostrana della "Verdona", andando così ad affiancare il Prodina Ircos Racing Team. Un progetto inedito, ma alquanto ambizioso, impreziosito dall'utilizzo della Ninja ZX-10RR di ultima generazione, messa in bella mostra qualche istante prima della partenza della conclusiva manche della stagione nell'evento esclusivo all'interno del quale è intervenuto anche Giovanni Poli, noto volto in rappresentanza di Kawasaki Italia.

"Siamo molto entusiasti di annunciare il nostro ritorno nella classe Superbike. Come tutti sanno, Kawasaki non è presente nel CIV da alcuni anni a questa parte per svariati motivi, mentre lo è con forti soddisfazioni nel Mondiale di categoria dove abbiamo raccolto un gruzzolo di titoli. Innanzitutto, abbiamo deciso di fare questo passo in virtù della storica nonché proficua collaborazione con Black Flag Motorsport che ci ha permesso di collaudare il rapporto con Mathia e Andrea, specie nella SS600. Abbiamo gli stessi obbiettivi, lavoriamo in sintonia, così abbiamo voluto dargli fiducia, proponendo a loro per primi questo progetto. Entrambi hanno accettato la nostra proposta con particolare entusiasmo e in questo momento le moto sono già state consegnate, dunque si trovano in una fase operativa avanzata. Abbiamo tutte le carte in regola per ben figurare il prossimo anno insieme al team Black Flag Motorsport", ha dichiarato.

Gli indizi portano a Bradley Smith

La rinnovata quattro cilindri giapponese rappresenta la risorsa perfetta per puntare senza mezzi termini all'alloro tricolore. Ciononostante, affinché possa progredire sul piano dello sviluppo e adattarsi alla inedita centralina elettronica MoTec, necessita di mani esperte. Secondo le indiscrezioni raccolte, l'identikit ideale risponde al nome di Bradley Smith. Dai trascorsi in palcoscenici internazionali quali Mondiale 125cc, Moto2, MotoE e MotoGP (due podi all'attivo nel biennio 2014-15 in sella all'allora M1 del Tech3 Racing), perso il posto in Aprilia, il 30enne di Oxford è in cerca di ulteriori sfide nel tentativo di rilanciare le personali quotazioni di carriera. Una tesi ribadita dallo stesso Mathia Beatrizzotti nel corso della conferenza stampa.

"Questa è una scommessa che abbiamo voluto accogliere con emozione grazie al supporto di Kawasaki Italia, c'è tanta voglia di fare bene. Partiremo da zero con moto nuova, categoria nuova e squadra tra virgolette nuova. Abbiamo in programma di mettere in pista la Ninja a novembre, in modo da poter preparare al meglio la stagione. Tutto il Know-How di Kawasaki archiviato in questi anni di Mondiale è stato trasferito sulla moto 2021 nella versione denominata RR, di base assai performante. Il lavoro sarà incentrato principalmente sul motore e seguito internamente da noi, nello specifico dalla figura di Andrea Tanzi. Stiamo operando con un pilota in particolare, il nostro sogno è quello di riuscire a portarlo al CIV 2022. Non abbiamo ancora un contratto sul tavolo, ma siamo in trattative avanzate con Bradley Smith. Il campionato merita un pilota del suo spessore, il livello è altissimo e ci impegneremo a riempire la griglia con un nome importante", ha ammesso.

Photo credit: Getty Images e Gorini Photos.

Articoli che potrebbero interessarti