Tu sei qui

Caro benzina: un autunno di aumenti, prezzi ancora più alti

La benzina passa ad un prezzo medio di 1,687 euro al litro in modalità self-service. Servono urgenti provvedimenti per "rallentare" il prezzo dei carburanti

Moto - News: Caro benzina: un autunno di aumenti, prezzi ancora più alti

Share


Sembra assurdo come il costo dei carburanti, continui inesorabilmente ad aumentare senza sosta. Se poi guardiamo al metano, in questi ultimi giorni ha raggiunto prezzi a dir poco allucinanti. Nelle ultime settimane, motociclisti, così come gli scooteristi e gli automobilisti, possono solo che essere arrabbiati. Si è infatti registrato un aumento del prezzo del petrolio, e delle quotazioni dei prodotti raffinati. La cosa brutta poi, è che non c'è verso che questa impennata si fermi.

Self-Service: benzina a 1,687 euro/litro

E' ancora una volta il Mite, il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, a fornire i dati settimanali decisamente allarmanti. Il prezzo medio della benzina, e parliamo in modalità self service, è salito ogni giorno di 1,05 centesimi. Si è arrivati a toccare quota 1,687 euro al litro. Il gasolio? E' salito ogni giorno di 1,3 centesimi fino a raggiungere quota 1,537 euro al litro. Il Gpl? Crescita anche qui di 0,48 centesimi, per arrivare ad un prezzo di 0,717. Insomma, è aumentato tutto.

Se invece andiamo ad analizzare i dati del servito, troveremo medie ancora più alte. La benzina registra la bellezza di 1,827 euro al litro, il diesel di 1,688 euro al litro ed il Gpl passa da 0,724 a 0,745 euro. Come tutti saprete poi, la situazione più allarmante interessa il metano. Gli aumenti del gas, sono i colpevoli. In ogni caso è il... caso, di parlare di emergenza, poiché in alcuni impianti del centro-nord Italia il metano ha toccato il prezzo di due euro al chilo! Insomma questa volta non è colpa del Governo, ma fatto sta che i carburanti continuano a far registrare aumenti alla pompa di benzina, senza sosta. La cosa, pare sia destinata a peggiorare ulteriormente, quindi mettiamoci l'anima in pace. Vedremo se il Governo metterà in atto qualche azione a tutela dei consumatori finali.

Articoli che potrebbero interessarti