Tu sei qui

SBK, BSB: Gino Rea riporta la Suzuki alla vittoria, O'Halloran-Mackenzie a pari punti

In una Gara 1 del British Superbike a Donington Park bagnata dalla pioggia, Gino Rea e Buildbase Suzuki hanno conquistato la vittoria. Numerose le cadute tra cui Tommy Bridewell, Jason O'Halloran e Tarran Mackenzie appaiati in cima alla classifica

SBK: BSB: Gino Rea riporta la Suzuki alla vittoria, O'Halloran-Mackenzie a pari punti

Share


Anticipata di addirittura quattro ore rispetto al programma originario, il tipico meteo d'oltremanica (pioggia e basse temperature in primis) ha influenzato a più riprese la caotica Gara 1 del British Superbike a Donington Park, penultimo atto del 2021. In una corsa ad eliminazione con soltanto 15 unità a prendere la bandiera a scacchi, in cui ne hanno fatto le spese piloti del calibro di Peter Hickman, Glenn Irwin, Danny Buchan, Josh Brookes e persino Tommy Bridewell, uno specialista del bagnato quale Gino Rea ha regalato il successo al Team Buildbase Suzuki sotto il violento temporale che ha colpito le Midlands Orientali. Al primo hurrà in carriera, il Campione 2009 dell'Europeo SuperStock 600 ha portato la Casa di Hamamatsu sul gradino più alto del podio a oltre un anno di distanza dall'ultima volta.

Prova di forza

Già detentore della pole position, dopo aver lasciato sfogare un arrembante Danny Buchan nelle battute iniziali della contesa, col prosieguo dei passaggi Gino Rea ha letteralmente fatto il vuoto nei confronti degli inseguitori. Tutt'uno in sella alla GSX-R 1000 della compagine di Stuart Hicken, nel finale il 32enne ha gestito alla perfezione l'ampio margine di vantaggio, tagliando il traguardo con tranquillità e al contempo rivelandosi l'ottavo differente vincitore della stagione, oltretutto in condizioni che da sempre predilige (vedi l'unico podio nella parentesi in Moto2 a Sepang 2012).

Zona podio

Nel festival delle cadute dove il giovanissimo Storm Stacey ha gettato alle ortiche la possibilità di salire sul podio, sulla distanza sono emersi un ritrovato Kyle Ryde (2°, mai così in alto sulla M1000RR del Rich Energy OMG Racing) e Christian Iddon (VisionTrack PBM Ducati), abile nel massimizzare le disavventure altrui in chiave titolo, il quale ha avuto la meglio nei riguardi di Lee Jackson (FS-3 Racing Kawasaki) per il terzo posto per appena un decimo.

Tante cadute, O'Halloran-Mackenzie a pari punti

Dando uno sguardo allo Showdown, la coppia McAMS Yamaha ha limitato i danni con Jason O'Halloran in quinta posizione, staccato di ben 45 secondi dalla vetta, e Tarran Mackenzie in settima (in rimonta dalla 16esima casella di partenza dopo la scivolata nelle qualifiche) alle spalle di Joe Francis, new entry nei ranghi FHO Racing al posto di Xavi Forés. In ogni caso entrambi possono consolarsi complice il pesante zero del diretto rivale Tommy Bridewell, finito a terra alla Coppice nel corso del quinto giro. In attesa delle restanti due gare di domani, adesso la classifica propone il binomio di Steve Rodgers accoppiato a quota 1102 punti, 18 lunghezze di margine sull'alfiere MotoRapido Ducati e 26 su Iddon.

RISULTATI GARA 1:

Articoli che potrebbero interessarti