Tu sei qui

Usato per pochi: oltre 20 MotoGP e Moto3 vanno all'asta

La Phil Morris Road Racing Collection va interamente all'asta, organizzata da Bonhams. Oltre venti le moto che potranno essere portate a casa tra prototipi MotoGP, con prezzi da capogiro

Moto - News: Usato per pochi: oltre 20 MotoGP e Moto3 vanno all'asta

Share


Parliamo spesso di aste, ma questa volta c'è la possibilità di portarsi a casa collezione di rare motociclette da corsa. Moto che hanno preso parte al TT, alla MotoGP, tutto in occasione della Bonhams Autumn Stafford Sale che si terrà domenica 10 ottobre. La Phil Morris Road Racing Collection è di ben 24 moto ed è una delle collezioni più grandi al mondo. C'è persino l'intera flotta del team Paul Bird Motorsport, ma anche tre Aprilia da MotoGP, incluse le moto numero 1 e numero 2 della stagione 2014 che, secondo Phil Morris, "sarebbero costate 850.000 euro a moto da nuova". Non mancano poi vari pezzi, ricambi, ruote, carenature, caschi e tute coordinati per le moto GP, Moto 2 e Moto 3 presenti nella vendita autunnale Stafford.

Le moto MotoGP offerte

Le MotoGP vedono la ex-Broc Parkes, Paul Bird Motorsport, 2014 PBM-ART 1000cc Grand Prix Racing Motorcycle, per un importo che si stima tra le 40.000 - 60.000 sterline. La moto numero due del pilota Broc Parks 2014 alimentato da un motore Aprilia RSV4 di serie, con una potenza MotoGP di 230 CV, è accompagnato dalla sua elettronica Magneti Marelli, inclusa la ECU che è stata riprogrammata con i dati di fine stagione 2014. La moto è inoltre dotata della forcella FGR originale, della forcella Öhlins, di freni Brembo e scarico proprio di PBM e carrozzeria in fibra di carbonio. Viene offerta funzionante.

 

C'è poi l'ex-Michael Laverty, Paul Bird Motorsport, motocicletta da corsa da 1000 cc PBM-ART 2014, per la quale si stimano tra le 40.000 e le 60.000 sterline. Una delle due moto per il compagno di squadra di Parkes, Michael Laverty, che ha segnato nove punti in quella stagione. È anche conforme alle specifiche MotoGP, ed è accompagnata dalla sua ECU originale con i dati della stagione 2014. Conserva i suoi dischi freno in carbonio da gara, la forcella Öhlins, ecc.. Come la sua compagna di scuderia, è funzionante.

Abbiamo poi la ex-James Ellison, Yonny Hernandez, Paul Bird Motorsport, 2012 Aprilia Art 1, moto da corsa da 1000 cc, per la quale si stimano tra i 40.000 e le 60.000 sterline. Prima campagna dell'unico pilota della PBM James Ellison nel 2012, al debutto in MotoGP del team, la moto è stata poi assegnata al colombiano Yonny Hernandez l'anno successivo. Da quando è entrato nella Phil Morris Collection, è stato dotato di un motore da strada Aprilia RSV4 da 1.000 cc di serie e della relativa ECU ed elettronica per praticità. Tuttavia, è accompagnato dal suo motore originale di fabbrica, ECU, parti e carrozzeria, consentendo di riportare la moto alle specifiche del MotoGP.

Altra moto è l'ex-James Ellison, Yonny Hernandez, Michael Laverty, Paul Bird Motorsport, 2012 Aprilia Art 1000cc Grand Prix Racing Motorcycle. La stima per lei va dalle 30.000 alle 50.000 sterline. Questa moto è stata guidata da James Ellison per una stagione prima del suo ritorno alla British Superbike. Il nuovo acquisto Hernandez ha ereditato questa motocicletta ex Ellison nel 2013 ed è stata utilizzata anche dal compagno di squadra Michael Laverty quell'anno. Le sue condizioni e le specifiche sono entrambe come è stata "l'ultima corsa" nel 2012.

Infine, troviamo la ex-Broc Parkes, Paul Bird Motorsport, 2014 PBM-ART 1000cc Grand Prix Racing Motorcycle, per la quale si stimano tra le 30.000 e le 50.000 sterline. La moto è la numero uno di Parkes della stagione 2014, dotata del telaio British GPMS della Bird. È anche accompagnato dall'elettronica e dai componenti Magneti Marelli con specifiche MotoGP, ma viene offerto incompleta. Phil ha dichiarato: "Questa è un'opportunità unica per un individuo di acquistare una o anche tutte e cinque le MotoGP. Non è possibile acquistare una moto MotoGP privata risalente al 2015 in poi". Nel 2015, la FIM, l'organo di governo del campionato MotoGP, ha decretato che i team privati ​​avrebbero affittato le loro macchine dai produttori di motociclette – il telaio, il forcellone e il motore – e li avrebbero restituiti alla fine della stagione. Se siete curiosi, qui trovate tutto.

[Fonte: Bonhams]

Articoli che potrebbero interessarti