Tu sei qui

Dalla Cina al sequestro: sventata la truffa delle Vespa contraffatte

Ben 71 gli esemplari di Vespa Piaggio sequestrati in dogana. Dopo l’omologazione sarebbero state venduti ad oltre 3.000 euro l'una. Il valore totale è stiamato in oltre 213mila euro

Moto - Scooter: Dalla Cina al sequestro: sventata la truffa delle Vespa contraffatte

Share


Qual è lo scooter che più in assoluto è copiato e contraffatto? Ovviamente la Vespa! Nei giorni scorsi, infatti, sono giunte nel porto di Livorno ben 71 scooter Vespa, a marchio Piaggio, palesemente contraffatti e di provenienza cinese. I funzionari della Dogana di Livorno, presso il porto, aperto il container hanno trovato la sorpresa. Si tratta di imitazioni della Vespa elettrica, al momento sequestrati. Ben due le distinte spedizioni.

Denunciati i legali rappresentanti

Chiaramente l'ufficio doganale ha subito provveduto, una volta riscontrata la violazione alla normativa sui marchi, a denunciare i due legali rappresentanti delle società importatrici. Le accuse sono di merce contraffatta destinata alla commercializzazione e la ricettazione. Parliamo di ben 71 pezzi, scooter che, come detto, sarebbero stati venduti ad oltre 3.000 euro l'uno, per un totale di 213mila euro di merce. La Dogana livornese, dopo un attento esame dei documenti ed ad una profonda verifica della spedizione degli scooter cinesi, ha rilevato all'atto dello sdoganamento evidenti analogie e similitudini del noto scooter Vespa Piaggio, tra l'altro scaricato lo stesso giorno, ma originale.

E' stata dunque contattata l'Azienda di Pontedera, che dopo le opportune verifiche da parte dei tecnici, ha confermato che si trattava di copie del noto scooter. Una vera e propria contraffazione dunque, con tanto di documenti ed indicazioni, ritenute poi false. Come potete vedere dalla foto sopra poi, è stata riscontrata l'applicazione sullo scudo frontale dei mezzi, addirittura di uno scudetto con i colori della bandiera italiana. I consumatori, sarebbero dunque caduti nel tranello, senza accorgersene... La Procura di Livorno, in seguito alla scoperta effettuata dal reparto antifrode dell’Ufficio Dogane, ha proseguito le indagini. Sono infatti stati ritrovati, grazie ad una perquisizione in un magazzino sempre nella Regione Toscana, altri mezzi. La proprietà è una società importatrice con sede legale a Milano. Quest'ultima è stata oggetto di perquisizione. A questo link, trovate invece la Storia della Vespa.

Articoli che potrebbero interessarti